Coach, councelor, mentor: cosa scegliere per cambiare lavoro al meglio?

Coaching Co

Lavoro nell'ambito del mondo del lavoro da anni: prima perché mi sono mossa in tale mercato per cambiare lavoro e progredire e oggi perché il mio lavoro consiste nel supportare le persone che vogliono trovare il "loro" lavoro.

Per fare al meglio tale attività di consulenza, pur avendo un passato di consulente di direzione, mi sono "formata" con dei corsi specifici. Ho studiato il coaching. Siccome l'ho studiato anni fa da sempre sono abituata a vedere le differenze rispetto ad altri strumenti, proprio perché in Italia tali strumenti non sono ancora largamente diffusi e utilizzati o utilizzati da chi ne ha la preparazione e l'esperienza per farlo.... 

Il coach

Quando si usa la parola "coach" si pensa all'allenatore di calcio in Italia. In UK si potrebbe pensare all'autobus/pullman. Niente di male. Le analogie ci sono.

Il coach in ambito "professionale" è una persona che ti porta da dove sei ora a dove vuoi andare.

Coach

Ti fa fare chiarezza su dove sei ora. Ad esempio: ti piace il lavoro che fai, è in linea con i tuoi studi, è in linea con i tuoi desiderata, vedi degli sviluppi che ti piacciono, guadagni abbastanza, ...

Ti fa individuare il tuo obiettivo, dove vuoi arrivare nel breve-medio periodo. Ad esempio: vuoi guadagnare di più, vuoi gestire persone, vuoi cambiare sede o nazione, vuoi passare dalla tecnica al management, ...

Ti aiuta a capire come procedere, che azioni mettere in atto. Ad esempio: frequentare una scuola, un corso, migliorare una lingua straniera, attivare la ricerca di un nuovo lavoro, ricercare un ruolo diverso nella stessa azienda, sviluppare una competenze soft su cui puoi decisamente migliorare e che attualmente ti penalizza...

Ti supporta nel mettere in atto le azioni in concreto e nell'analizzare i riscontri oggettivamente in modo che passo dopo passo si arrivi alla meta.

Il mentor

Mentore

Il mentore - per chi ha fatto gli studi classici - è l'amico a cui Ulisse affida il figlio, mentre va fare i suoi viaggi....

E' quindi un saggio, una persona affidabile in grado di guidare una persona più giovane in un percorso. Nel caso del Mentore di Ulisse, il percorso era la vita. Oggigiorno si può pensare più limitatamente alla carriera professionale in un'azienda o professionale, all'avventura imprenditoriale intrapresa per la prima volta...

Il mentore è una persona di riferimento che stimiamo e a cui ci rivolgiamo con i nostri dubbi e domande in tutta libertà per avere un aiuto, un consiglio. La differenza rispetto all'amico è che il mentore è per noi un riferimento sul tema in questione: è il nostro idolo, il nostro esempio, il nostro punto di riferimento, vorremmo diventare come lui... Ad esempio è un grande manager e noi siamo appena stati nominati manager, è un avvocato di grido e noi abbiamo pochi anni di esperienza, è un imprenditore che stimiamo anche come uomo e per i contributi che dà al territorio, alla società... e noi stiamo impiantando la nostra prima azienda.

Il mentor è sempre disponibile, ci stimola, ci risponde, ci "vuole bene".

E' un esperto nella tematica in cui ci guida.

Fa tutto gratis.

Il councelor

Councelor

Il termine counseling (o anche counselling secondo l'inglese britannico) indica un'attività professionale che tende ad orientare, sostenere e sviluppare le potenzialità del cliente, promuovendone atteggiamenti attivi, propositivi e stimolando le capacità di scelta. Si occupa di problemi non specifici (prendere decisioni, miglioramento delle relazioni interpersonali) e contestualmente circoscritti (famiglia, scuola, lavoro).

– da Wikipedia

Il sostantivo counseling deriva dal verbo inglese to counsel, che risale a sua volta dal verbo latino consulo-ĕre, traducibile in "consolare", "confortare", "venire in aiuto".[1] Quest'ultimo si compone della particella cum ("con", "insieme") e solĕre ("alzare", "sollevare"), sia propriamente come atto, che nell'accezione di "aiuto a sollevarsi".[2] È omologo un altro verbo latino: consulto-āre, iterativo di consultum, participio passato di consulo, col significato di "consigliarsi", "deliberare", "riflettere".[3] Ciò pone il termine tra le forme del verbo italiano "consultare" come ricorso a competenze superiori per necessità contingenti.

– da Wikipedia

Il councelor è teso a far star bene la persona. Quindi anche in ambito lavorativo il suo intervento si applica alla persona che sta affrontando un periodo critico in cui magari contribuiscono temi familiari e professionali, oppure cambiamenti organizzativi o richieste particolarmente sfidanti, ... . Il councelor supporta la persona a vivere bene tali momenti, a metterli nella giusta prospettiva, a trovare le energie per andare avanti....

A completamento di quanto sopra consiglio la lettura di un articolo letto sulla newsletter www.pmi.it un po' di tempo fa. Dà una visone degli stessi strumenti in un'ottica aziendale. Buona lettura.

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Mi occupo da oltre dieci anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati ad investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Vengo da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ho pubblicato il mio primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook.

comments powered by Disqus

Ricerca

Argomenti

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Ce l’hai il tuo personal brand online? E riesci a fare carriera grazie a questo?

Oggigiorno il personal brand è un must, ma un conto è averlo, un conto è che funzioni per lo scopo che ci siamo proposti: cercare/cambiare lavoro.


Sapersi vendere consiste nel sapere cosa si ha da offrire e saperlo comunicare. Senza mentire però!

Il mercato del lavoro è un mercato come tanti altri, con i suoi pro e i suoi contro. Una certa etica però dovrebbe sempre prevalere, a partire da noi.


Estate tempo di libri…

Un libro è il compagno che non deve mancare nelle tue mancanze, per divertirti, riflettere, ispirarti...


Avere successo nel lavoro: una lunga strada per arrivarci e tanta energia per mantenerlo

Il lavoro è collegato spesso al successo nella vita. Ne può essere una determinante. Come raggiungere il successo e soprattutto come mantenerlo?


Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto