Un Curriculum vitae sintetico è la chiave per arrivare al colloquio di lavoro

Curriculum Vitae corto ha i suoi vantaggi - metro

Vogliamo farci leggere? SI’!

Proviamo a pensare di ricevere un documento di diverse pagine, di riceverne centinaia e di doverli “processare” in dettaglio in un breve lasso di tempo per individuare una “rosa” di profili per una richiesta complessa.

Proviamo poi a pensare di essere un manager focalizzato sul proprio business, competitivo e turbolento come non mai (il business), e di ricevere un “papiro”.

Proviamo a pensare di essere una persona comune che riceve una mail da un ex collega di diverse pagine. Un ex collega abbastanza bravo e ragionevolmente simpatico, ma a cui “non dobbiamo niente”.

Quanto tempo e sforzo dedichiamo come selezionatore, come manager, come ex collega a questo documento?

Se il documento è snello, strutturato, accattivante anche se professionale, ok procediamo nella lettura (veloce). Se è lungo, discorsivo, del tutto generalista e che c’entra poco con noi? NO!

Quindi… scriviamo un documento: Professionale – Sintetico – Mirato! indipendentemente dalla scelta del formato: europeo, cronologico o per aree di competenza.

Professionale

Su come impostare professionalmente un documento come il cv consiglio una struttura (vedi altri post relativi al formato europeo, al formato libero cronologico e al formato per aree di competenza o funzionale.

Sintetico

Corto è BELLO! Massimo due pagine. E si può farcela sia che si siano cambiate tante aziende, sia che si abbia una carriera di 30 anni. Basta lavorarci sopra. In base a cosa? In base alle priorità:

    • i riferimenti (altrimenti, se ci vogliono chiamare come fanno?)

    • l’esperienza professionale (nel mondo del lavoro meglio l’esperienza professionale dei corsi e degli elenchi di conoscenze asettici)

    • gli studi e

    • le altre info.

Il tutto ad “imbuto”, dando cioè più importanza alle ultime esperienze e meno alle prime.

Si può descrivere la propria esperienza in senso cronologico o anticronologico. Dipende dall’età: fino ai 30-32 andare in senso cronologico per fare vedere la crescita, oltre in senso anticronologico essendo diventati magari già un discreto professionista.

Ciò si basa sull’assunto che l’ultima esperienza è quella che sto “vendendo” e che quindi interessa maggiormente l’interlocutore e l’azienda in cui l’interlocutore lavora.

Mirato

Mirato vuol dire che devo interessare l’interlocutore come persona, funzione, azienda per cui lavora.

Per interessare una persona professionalmente, devo dire cose rilevanti per il business e quindi attenermi ai fatti ed evitare racconti, commenti, riflessioni troppo autocentrate. Essere sincero, nel senso di non mentire. Essere corretto e quindi scrivere in Italiano senza errori di qualsiasi tipo. Essere coerente e quindi credibile, oltre che sincero.

A un responsabile di funzione devo interessare per le aziende in cui ho lavorato, i ruoli ricoperti (minori in senso gerarchico: non mi propongo al Direttore Amministrazione Finanza e Controllo se sono un Dir. AFC!), ma soprattutto i fatti, cioè i progetti che ho gestito, le iniziative che ho preso, i risultati che ho raggiunto!

A un’azienda mi propongo e sono di interesse se ho qualcosa da offrire di rilevante per il loro business, non perché a me piace il loro settore. Se mi piace la moda, posso propormi se ho lavorato nell’abbigliamento, negli accessori, se ho lavorato nella grande distribuzione, oppure se ho lavorato in funzioni di staff come l’AFC (Amministrazione Finanza e Controllo) o i SI (Sistemi Informativi) al limite… Se ho fatto marketing nell’industria IT, al settore moda non interesso!

Non conta cosa interessa a me, conta cosa di me interessa l'interlocutore!

Mai come in questo esercizio di proporsi al mercato ha senso mettersi nei panni dell’altro e non è un esercizio banale.

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Mi occupo da oltre dieci anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati ad investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Vengo da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ho pubblicato il mio primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook.

comments powered by Disqus

Ricerca

Argomenti

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Ce l’hai il tuo personal brand online? E riesci a fare carriera grazie a questo?

Oggigiorno il personal brand è un must, ma un conto è averlo, un conto è che funzioni per lo scopo che ci siamo proposti: cercare/cambiare lavoro.


Sapersi vendere consiste nel sapere cosa si ha da offrire e saperlo comunicare. Senza mentire però!

Il mercato del lavoro è un mercato come tanti altri, con i suoi pro e i suoi contro. Una certa etica però dovrebbe sempre prevalere, a partire da noi.


Estate tempo di libri…

Un libro è il compagno che non deve mancare nelle tue mancanze, per divertirti, riflettere, ispirarti...


Avere successo nel lavoro: una lunga strada per arrivarci e tanta energia per mantenerlo

Il lavoro è collegato spesso al successo nella vita. Ne può essere una determinante. Come raggiungere il successo e soprattutto come mantenerlo?


Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto