A volte c’è bisogno di una spinta per cambiare lavoro

Ricarica Batterie

Mi ricordo benissimo le parole di Giorgio, un mio cliente, poi diventato amico, ora imprenditore di successo. Visse un momento difficile quando fu costretto a lasciare il suo bel lavoro da dirigente anni fa. Visse un periodo difficile in cui … aveva bisogno di una spinta (lo disse con parole sue, che potete immaginare!). 

Fui la sua coach: una delle persone che gli diede una spinta.

Anche stamattina ho parlato con una mia cliente che sta cambiando lavoro. Ci siamo viste per un breve percorso, ma solo questo le è servito per rimettersi in pista e … correre!

Tra le newsletter che leggo e i network che tengo monitorati c'è BNI, una associazione che conosco da quando sbarcò in Italia nel 2004 e di cui sono stata anche la prima Regional Manager. Ognuno può avere la sua esperienza personale con BNI e con il networking, certo è che Ivan Misner, il fondatore di BNI, dice delle cose molto sensate e sulla mancanza di motivazione, da buon americano, suggerisce 5 punti che mi sento di condividere qui e che commento pensando al lavoro e al desiderio/voglia/necessità di cambiare.

1. Ridurre al minimo il contatto con le persone negative

Questo consiglio l’ho letto altre volte. All’inizio della mia carriera di coach ho letto dei libri di una coach americana, Laura Berman Fortgang, che consigliava appunto, in un momento di umore basso, di lasciar perdere le persone che non hanno un effetto positivo su di noi. Insomma, non dobbiamo piacere a tutti e se in un certo momento abbiamo bisogno di essere egoisti e pensare a noi stessi, si può fare! Diamoci il permesso di farlo.

Ci sono persone che hanno una visione del lavoro, del mondo direi, negativa. Le aziende fanno profitto perchè tagliano i dipendenti, i capi sono tutti corrotti, ecc.  Essere realisti è necessario, ma riprendersi in mano la propria vita ed essere responsabili è una dimostrazione di maturità. Io mi allontano metaforicamente dai criticoni, faccio la criticona solo in privato con chi mi posso sfogare. Per il resto no. Neanche sui social!

2. Massimizzare il tempo con persone che ricaricano le nostre batterie!

Ci sono delle persone che ci fanno bene. Hanno un bel modo di fare, ci fanno dei complimenti senza adularci, parlano bene degli altri, vedono sempre il lato positivo delle cose. Ecco, cerchiamo di sentirle o di incontrarle queste persone quando siamo un po’ giù e abbiamo bisogno di energia.

Ho seguito mio papà durante una lunga malattia in ospedale, in casa di cura e a casa. Non so se fingesse o fosse la sua fede, fatto sta che era un piacere andare a trovarlo, ringraziava, cercava di parlare del più e del meno, non si lamentava anche se stava su una sedia a rotelle, situazione che per persone della sua generazione era una disgrazia terribile.

Non è detto che siano le persone che apparentemente stanno bene ad essere quelle che trasmettono più gioia, ve ne siete accorti anche voi?

E non è detto che la carica ci venga solo dall’ambito professionale se stiamo pensando al lavoro. Anzi. Quando una persona ha delle difficoltà nel lavoro si consiglia proprio di attingere ad attività extralavorative per accrescere la carica e il livello di sopportazione alla frustrazione!

3. Leggere / ascoltare / guardare le cose positive

A volte il telegiornale sembra la cronaca nera. A volte ci costringiamo a leggere dei libri solo perchè dobbiamo arrivare alla fine. Dal momento che mi occupo di lavoro, trovo sempre da leggere i dati sull’occupazione, i trend delle professioni e varie newsletter. Ormai mi prendo la libertà di voltare pagina ogni tanto e prendere una "boccata d'aria". Forse perché ho superato i 50 anni!  

4. Fare la lista delle priorità

Non c’è come aver incontrato la malattia tua o dei tuoi cari, specie in giovane età, per sapere e ricordare, quasi sempre, quali sono le priorità della vita. A volte mi dico che frequentando gente in età mi limito perché vedo solo la curva discendente, ma tant’è.

5. Mangiare l’elefante un boccone alla volta.

Questo è un insegnamento preso da altri autori che oramai è diventato un modo di dire. In fondo bisogna fare il primo passo, in tutte le cose. Poi magari il cammino non è così terribile come sembra quando lo si vede dall’esterno.

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Mi occupo da oltre dieci anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati ad investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Vengo da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ho pubblicato il mio primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook. Nel 2018 il mio secondo sul networking: "Connecting Dots: il networking, questo sconosciuto".

comments powered by Disqus

Ricerca

Argomenti

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Christine Lagarde ha partecipato a ELLE Active! Paris, e noi?

Anche la nostra Cristina Gianotti ha partecipato a ELLE Active! Milano lo scorso novembre, la manifestazione di ELLE a favore delle donne!


Too much

Che sia il momento di dire basta?


Giovani! non andate via dall'Italia. Cercate un lavoro prima in Italia

E' possibile cercare un'opportunità professionale in Italia, non si deve subito cedere ed emigrare. Si può fare con un supporto professionale!


Chi è Stefano Carlo Longo, cofondatore di GoodGoing! e cosa può fare per te?

Un professionista di lunga esperienza nel settore consulenza direzionale e nell'IT nel Business Development, nelle Vendite e nel Marketing


Chi è l'ideatrice e la fondatrice di GoodGoing! e cosa può fare per te?

Una breve presentazione di Cristina Gianotti e della sua mission rivolta ai lavoratori italiani

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto