Come avviene l'apprendimento? Il modello 70:20:10

Donna Manager Con Mascherina

Nel nuovo mondo del lavoro, l’apprendimento non è qualcosa che avviene solo con l’istruzione o con la formazione, ma si realizza in modi molto differenti ogni giorno sia al lavoro che attraverso il Web.

– 2010 - Jane Hart – Internet Time Alliance Co.

In una sezione del sito di Moovs dedicata ai temi ed ai trend nell’ambito della formazione si legge che l'apprendimento più efficace si ha nello svolgimento del proprio lavoro, in ogni momento ed in ogni luogo. Apprendere è ciò che ognuno di noi fa individualmente, nel corso del tempo, lavorando insieme ai colleghi. Perché condividere porta a creare conoscenza assieme. Non ci sono quindi solo i momenti istituzionali e i corsi strutturati, perché l'apprendimento avviene 7 x 24 x 365 giorni l’anno. Condividiamo con Moovs il principio che lavorare significhi apprendere e che apprendere sia uguale a lavorare. I programmi di apprendimento e sviluppo che GoodGoing e Moovs offrono in virtù dell’accordo di partnership sono realizzati secondo il modello 70:20:10 promosso da Charles Jennings*.

In effetti il posto di lavoro è l'ambiente di apprendimento migliore per accrescere le competenze, non a caso il 70% di ciò che impariamo nel corso della carriera professionale lo deriviamo dallo svolgimento della nostra attività. Pertanto, ottenere esperienze pratiche pertinenti è fondamentale per l'apprendimento. Ogni percorso di apprendimento ideato da Moovs contiene molteplici situazioni pratiche e case history reali che stimolano ed incoraggiano varie forme di condivisione delle conoscenze.

Il vantaggio dell'apprendimento nello svolgimento dell’attività lavorativa è quello di essere sempre perfettamente in linea con gli sviluppi reali della vostra organizzazione. Per questo nella creazione del programma di apprendimento, ma anche nel corso della sua esecuzione, coinvolgiamo tutte le parti interessate: top management, committente e colleghi. Il coinvolgimento riguarda anche le altre strutture/dipartimenti esistenti (per consultazione) e la direzione sistemi informativi, per quanto riguarda le interazioni con le applicazioni in uso, selezionando casi pratici idonei al contesto ed alle situazioni.

L’apprendimento on line è una parte importante dell'apprendimento sul posto di lavoro. Imparando in questa modalità, si impara a lavorare contemporaneamente con i nuovi media che possono far parte del nuovo modo di lavorare. L'apprendimento online è sempre realizzato su misura (sia per l’aspetto che per i contenuti) per la vostra organizzazione, per il vostro prodotto o persino per l'individuo. Se richiesto, offriamo l'apprendimento online in forma combinata (cioè anche con interventi in presenza, sia via Web che in aula) attraverso la formalizzazione di incarichi extra rispetto al piano di lavoro.

Per l’esecuzione dei nostri programmi di apprendimento forniamo strumenti idonei all’utilizzo sul posto di lavoro. Cosa intendiamo per strumenti idonei? Ad esempio, la disponibilità online per consultazione immediata, anche via Mobile, di manuali delle procedure inerenti i propri compiti, schede di riferimento rapido o minicorsi in pillole con test di apprendimento. Uno strumento di apprendimento contiene brevemente la teoria, un compito o un'istruzione, ed un riferimento ad altre informazioni rilevanti (video, ecc.). Lo scopo dello strumento di apprendimento è fornire ai dipendenti strumenti per apprendere in autonomia, discutere il tema in una riunione di lavoro, sia one-to-one che in gruppo, oppure per eseguire un breve esercizio.

Nel disegnare il nostro intervento, lavoriamo sempre con un piano di sviluppo calibrato sulle necessità individuali. Perchè il vostro collaboratore deve essere il proprietario del suo processo di apprendimento. Il collaboratore attivo e responsabilizzato sviluppa le proprie abilità, garantisce l'autogestione e lo sviluppo dei suoi talenti. Il piano di sviluppo individuale si basa sul “just in time, just in place, just enough”. Lavoriamo in modo adattivo. Ciò significa che il collaboratore apprenderà solo ciò che è importante per la riuscita del suo lavoro. Un piano di sviluppo individuale consente di visualizzare in modo appropriato i risultati dell'apprendimento. Il collaboratore ed il manager prendono accordi chiari sugli obiettivi e sull'output generato dal processo di apprendimento; in questo modo il nostro ruolo genera una responsabilità condivisa tra collaboratore e manager.

Infine, l'apprendimento sul posto di lavoro contribuisce a una cultura dell'apprendimento positiva per la vostra organizzazione. Nel corso del nostro intervento incoraggiamo la condivisione delle conoscenze, l'apprendimento da e con i colleghi attraverso la co-creazione mentre i partecipanti ricevono assistenza da consulenti, tutor e coach sul posto di lavoro. Attraverso lo scambio continuo di storie di successo ed esempi pratici, l'apprendimento contribuisce ad una cultura in cui il miglioramento continuo e l'eccellenza sono fondamentali. Una delle condizioni per un'organizzazione ad alte prestazioni.

*Il modello formativo 70:20:10 fu sviluppato dal Center for Creative Leadership (CCL) a metà degli anni ’80. Morgan McCall, Michael M. Lombardo e Robert W. Eichinger intervistarono 200 manager di successo in merito alla propria formazione. Dalle risposte ricevute, ripartirono la formazione in tre categorie:

  • 70% – informale, sul posto di lavoro, basata sull’esperienza
  • 20% – coaching, mentoring, sviluppo attraverso gli altri
  • 10% – interventi di formazione formale e corsi strutturati

Charles Jennings è riconosciuto come uno dei massimi esperti mondiali nella costruzione e attuazione di strategie di apprendimento 70:20:10, chiamato anche "approccio 3Es" (Experience: Exposure: Education). Charles ha guidato progetti di apprendimento e miglioramento delle prestazioni per imprese multinazionali, agenzie governative, organizzazioni no profit e altre tipologie di organizzazioni per oltre 35 anni. La sua carriera comprende ruoli come - Chief Learning Officer presso Reuters e Thomson Reuters con la responsabilità della strategia di apprendimento per 55.000 dipendenti.

Informazioni sull'autore
Stefano Carlo Longo
stefano.carlo.longo@goodgoing.it
Stefano Carlo Longo ha una lunga carriera di “innovatore” nel mondo dell’ICT, maturata in funzioni direttive nell’ambito commerciale, del marketing e della consulenza presso alcune tra le più importanti società internazionali, tra cui EY, Atos e Adobe. Co-fondatore di una società di eCommerce dedicata ai vini di alta gamma e investitore in una start up in ambito Mobile Engagement in rapido sviluppo (MobileBridge), ne promuove la presenza presso clienti e partner.

comments powered by Disqus

Ricerca

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Ah! la sintesi nel cv o nella presentazione di sè. Dipende anche dalla lingua usata...

“Italian is about 30% longer than English". Oltre a essere più breve, l’inglese è oggettivamente più sintetico.


“Il futuro del lavoro è femmina” di Silvia Zanella

Un libro che sviscera l'apporto femminile nel mondo del lavoro. Ma quanto valore ci stiamo perdendo non includendo le donne!


5 fasi per un processo di onboarding efficace – Verso il primo anniversario

Perché l’onboarding non termina con il primo giorno di lavoro


Language is Equality

Why activists say the Oxford Dictionary of English results for 'woman' are sexist


5 fasi per un processo di Onboarding efficace - Il periodo di prova (anche ai tempi dello smart working)

Parliamo ancora di onboarding, per una fase importante. Vi diciamo perché.

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto