Come può aiutarti tua moglie o la tua partner nella ricerca del lavoro?

Il ruolo della moglie/partner nella ricerca del lavoro

Mia madre quando si è sposata ha ricevuto un libretto che dava tutta una serie di indicazioni su come essere una buona moglie, la “regina della casa” come si diceva allora. Era il 1954.

Io potrei scrivere una versione aggiornata di questo manuale focalizzata sui comportamenti e le caratteristiche della buona moglie per il marito in difficoltà sul lavoro. Ultimamente me ne sono capitate diverse di storie del genere. Una parte da una mail:

“Buon giorno dott.ssa Gianotti Le scrivo dopo aver letto “E' facile cambiare lavoro se sai come fare” non per me ma per mio marito che in questo momento ha bisogno di un orientamento, di un confronto. Giusto per inquadrare la situazione: 52 anni, dirigente … Risponde ad annunci (pochi per la sua posizione) senza escludere il trasferimento o posizioni non perfettamente corrispondenti ma nulla. Non sono alla ricerca della formula magica ma vorrei confrontarmi con lei e avere degli spunti su come muoversi. Mio marito è scettico nel seguire vie alternative ma gli ricordo quando un paio di anni fa ottenni il primo colloquio in un’azienda di articoli sportivi descrivendo all’HR manager la mia passione per il running, tanto che mi disse: “La posizione che cerchiamo è più junior, anche tirando non possiamo offrirle di più…ma non posso non incontrarla dopo aver letto quella mail”. Sto spingendo perché mio marito la contatti direttamente per cui spero che riceva un contatto anche da parte sua (logicamente io le sto scrivendo senza la sua "autorizzazione"...;-) ) …”

– The wife

La II puntata e la terza?

La seconda è stata finalmente un contatto da parte del “marito”, la terza un percorso di career coaching in corso che sta comunque smuovendo le acque. Siamo alle prime battute.

Il supporto fornito è tagliato sulla persona, che peraltro avevo già conosciuto in passato sempre in un momento di cambiamento di lavoro. Il metodo quindi dovrebbe essere acquisito eppure… c’è qualcosa che a volte ci blocca: anche se sappiamo di dover fare delle azioni, non le facciamo.

La persona vicina e amica - in questo caso la moglie – serve per dare una spinta. La moglie non potrebbe fare di più perché la moglie, come qualsiasi altra persona con una relazione intima o comunque personale forte con l’interessato non può intervenire professionalmente, anche nel caso in cui fosse di sua competenza.

Se siete quindi compagne o mogli di una persona in difficoltà con il lavoro, non solo in caso di disoccupazione, ma prima quando magari il vostro partner dà segni evidenti di “sofferenza” al lavoro e con il vostro “sesto” senso subodorate che ci sia qualcosa che non va, cercate un aiuto, informatevi innanzitutto e poi chiedete. Non ci sono maghe o fatine in giro, ma qualcuno di professionale che può veramente dare un contributo di svolta sì. Ecco quindi che la donna con la sua praticità, concretezza, intraprendenza, osa chiedere anche ad una persona di cui ha letto un libro, ha letto un articolo…

Le persone - specie quelle che fanno un lavoro di supporto - in genere sono disponibili e a volte fanno questo lavoro con professionalità, ma anche con passione. Lo fanno per guadagnare come tutti, perché è meglio ribadire che il lavoro va equamente retribuito, ma sono aperte a considerare il tema e a dare un consiglio e magari a consigliare un altro intervento nel caso in cui non si sentano adatte alla situazione che si prospetta.

Io almeno faccio così, provare per credere!

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Mi occupo da oltre dieci anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati ad investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Vengo da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ho pubblicato il mio primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook. Nel 2018 il mio secondo sul networking: "Connecting Dots: il networking, questo sconosciuto".

comments powered by Disqus

Ricerca

Argomenti

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

"Cigni selvatici" di Jung Chang

Un libro per comprendere il paese in cui viaggi: uno strumento piacevole ed efficace!


"Sergio Marchionne" di Tommaso Ebhardt

Un libro da portare in viaggio: per divertirsi, per imparare, per confrontarsi, per aprire la mente.


"Un indovino mi disse" di Tiziano Terzani

Prova ad adottare un libro come compagno di viaggio. La lettura valorizza e amplifica l'esperienza che stai vivendo.


Christine Lagarde ha partecipato a ELLE Active! Paris, e noi?

Anche la nostra Cristina Gianotti ha partecipato a ELLE Active! Milano lo scorso novembre, la manifestazione di ELLE a favore delle donne!


Too much

Che sia il momento di dire basta?

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto