Come si diventa coach professionisti

Mc Kinley - Alaska

L'ispirazione viene ... dalla vita, dalle piccole cose di ogni giorno

Un magazine allegato a uno dei maggiori quotidiani italiani ormai “alcuni” anni fa pubblicava un articolo dal
titolo:

“Una consigliera per il MANAGER” A SCUOLA DI COMANDO Sono quasi tutte donne. Suggeriscono le decisioni giuste. Aiutano ad affrontare lo stress. E sanno ascoltare. Le coach sono ormai indispensabili per i boss americani. Tanto da essere pronte a prenderne il posto.

– Riccardo Romani

E continuava:

… ”Tra il ritiro della spesa e la consegna del figlio a scuola, trova il tempo di spiegare a un importante uomo d’affari sulla West Coast come si deve gestire un affare da 10 milioni di dollari.” ... La Intercoach tanto casereccia però non è: l’hanno citata sul quotidiano Usa Today e poi sul settimanale economico Fortune. Azienda leader. Leader di che cosa? Del “coaching”. Che viene dall’inglese “to coach”: allenare, guidare. Laura si è specializzata proprio in questo. Ma non nell’accezione sportiva del termine, piuttosto nel senso che consiste nello studiare gli schemi che servono a cavarsela nella vita. Soprattutto alle persone abituate a vivere nello stress. Uomini d’affari principalmente. Amministratori. Presidenti. Qualche politico. Gente che a un certo punto è costretta a rientrare nello spogliatoio della vita e non può far altro che ascoltare le parole del coach prima di affrontare il secondo tempo di una trattativa o di una grana di lavoro.


Perché i grandi uomini d’affari preferiscono prendere consigli esclusivamente da donne? Semplice: perché possono essere veramente loro stessi. Lasciano da parte il machismo, per mostrare la parte più intima di se stessi, esporsi all’attenzione del coach e ottenerne i consigli giusti. Un uomo che parla a una donna non ha bisogno di atteggiamenti virili per giustificare il suo grado, come farebbe invece se fosse di fronte a un consiglio di amministrazione. Non si sente in competizione. In quel momento è solo una persona che cerca aiuto per un problema (Riccardo Romani)”.

L'articolo originale (253 kb.)

L’intelletto cerca, ma chi trova è il cuore.

– G. Sand

E’ stato amore a prima vista!
Anche se - come tutti i semi - ha voluto del tempo per maturare: degli anni, un licenziamento, la crisi economica, la crisi del mio settore professionale. Ma poi è venuto fuori prepotentemente e all’inizio di un anno – tanti anni fa ormai - ne ho valutato la fattibilità. Come per tutti i miei “amori” e le mie scelte vere, convinte, vitali. Non un vero e proprio business plan ancora, ma uno studio di fattibilità. Quando si abbraccia una cosa talmente nuova è difficile fare un business plan in termini economico-finanziari, ma in termini di informazioni, principi, bisogni, tendenze, “intangible”, questo sì!

La visone senza azione è un sogno. L'azione senza visione è un incubo.

– Japanese proverb

E poi sono andata. Ho letto, comprato libri, navigato su Internet, fissato appuntamenti e fatto incontri e poi ho scelto. In particolare ho scelto una scuola.

E porto avanti la scelta: è una scelta a medio termine, ma è un sogno di donna adulta da portare fuori dal cassetto per compiere l’opera di mettere a frutto i talenti di cui sono stata dotata dal buon Dio e in linea con i primi quarant’anni della mia vita: solo uno sguardo nuovo sul mondo e una nuova possibilità di agire su di esso.

Non so se ce la farò, ma il percorso mi piace e la vita è fatta di percorsi non di mete.

L'Executive Coaching

Nell’executive coaching ho visto la possibilità per me di recuperare la mia storia professionale passata, cioè di recuperare tutto quanto appreso in un certo mercato e ricoprendo diversi ruoli in diverse aziende, e di valorizzarlo rimettendolo a disposizione del mercato.

Nell’executive coaching ho visto la sfida a vedere la mia professionalità da un nuovo punto di vista e a cambiare il modo quindi di metterla a disposizione del mercato.

Nell’executive coaching ho visto la possibilità di esprimere i principi / valori che mi sostengono / motivano: mettere a disposizione la mia intelligenza trasformata in professionalità per far lavorare meglio le persone. I miei interventi
organizzativi da consulente e da esperta di sistemi informativi si sono evoluti in interventi uno a uno per far sì che il singolo manager / imprenditore lavori meglio con maggior soddisfazione per sé e per la sua azienda e quindi … per il mondo intero.

Nell’executive coaching ho visto la possibilità di ricongiungere la mia parte privata e la mia parte professionale. Anni fa ho fatto il business plan per un’azienda di formazione manageriale. Durante la preparazione ho fatto uno dei vari test di tipo psicoattitudinale che si usano in ambito aziendale  e ho riscoperto di essere una persona estroversa. Ho cioè realizzato (nel senso che “mi sono resa conto”) che la mia natura - per come la ricordo da quando ero bambina - è quella della persona estroversa che cerca il rapporto con gli altri. Negli anni dell’Università e poi nei primi anni di carriera negli anni ’80 e nei primi anni ’90 mi sono controllata, ho fatto l’ingegnere, l’esecutore… ma “nel mezzo del cammino”, verso la maturità ho riscoperto la mia natura. E’ stato come lavarsi la faccia con l’acqua fredda fuori dal rifugio in montagna.

Nel coaching – nel percorso per diventare coach e nel fare il coach come professionista – ho la possibilità di vivere tutta me stessa senza limiti. 

Al coaching devo anche la consapevolezza sul percorso svolto quest’anno e il bisogno di testimoniarlo per iscritto.

Condividere, che senso ha?

Difficile dire da dove nasce il bisogno di mettere per iscritto qualcosa… Un’origine l’ho trovata in un esercizio fatto durante la scuola di coaching: in una lezione è stato chiesto di leggere un brano, la fiaba de “Il brutto anatroccolo” nello specifico, e di darne in sequenza due letture, una per un ipotetico giornalino aziendale, stressando quindi l’interpretazione in chiave professionale, e una per il proprio diario, quindi con un’interpretazione personale, intima.

Quello che segue è l’”esercizio”.

1) La lettura aziendale - “Rileggiamo “Il Brutto Anatroccolo” da grandi”

Ultimamente durante un bel week-end di giugno a Milano mi è capitato tra le mani un vecchio libro di fiabe e ho riletto “Il brutto anatroccolo”. Mi è venuto naturale fare un paragone con il percorso di carriera di ciascuno di noi.

Ognuno ha la sua strada e la sua collocazione nella vita che gli dà la felicità. La Natura, la Provvidenza o qualche altra forza (ognuno pensi alla forza che lo guida e lo sostiene!) lo guidano e, alla fine, lo fanno approdare dove lui si troverà bene. Si tratta però a volte di partire dal posto sbagliato, a volte di provare a collaborare con funzioni di cui non condividiamo linguaggi e valori, a volte di affrontare momenti di ripensamento e di prova, ma alla fine ci arriviamo, se andiamo dritti per la nostra strada e diamo pure ascolto agli altri, ma non ci forziamo oltre un certo limite.

E i veri amici che dicono cose spiacevoli? Hanno anche loro il loro punto di vista, che è limitato come ogni punto di vista. Il mondo è grande, “si stende molto lontano”.

Proviamo a pensare che il nuovo collega che abbiamo in Amministrazione e non sa usare Excel potrebbe essere il nuovo Amministratore Delegato oppure che la collega che non sa chiacchierare con noi amabilmente di gonnelline e infradito potrebbe essere la nuova Marisa Bellisario. Proviamo a pensare che se noi stessi ci sentiamo stretti non è perché siamo sbagliati noi, ma perché siamo solo a metà del guado.

Buona pausa di riflessione estiva a tutti!

2) La lettura personale

Caro  diario,

questa mattina al corso ho letto la fiaba “Il brutto anatroccolo”.
Mentre la leggevamo ho provato parecchie sensazioni:

  • innanzitutto mi sono immedesimata nei luoghi: la natura, il verde, i laghi, l’estate, tutte cose che a Milano - seppure bella - non si possono apprezzare
  • ho sentito il calore del sole e il profumo del grano e la voglia di … vacanza
  • ho provato tenerezza per il piccolo brutto anatroccolo, anche se non sono una madre 
  • ho provato solidarietà per lui, perché anch’io sono un brutto anatroccolo
  • ho sottolineato la frase sui veri amici che sono quelli che dicono le cose spiacevoli… su cui riflettere: sai che il mio rapporto con l’amicizia è “problematico”
  • ho provato un senso di fiducia alla fine: per l‘anatroccolo c’è Madre Natura, per me c’è la Provvidenza
  • Caro diario, sto diventando un cigno?

E’ stato un seme perché l’esercizio mi ha dato soddisfazione e penso abbia dato qualcosa ai miei compagni di corso che hanno apprezzato la lettura ad alta voce della mia recensione per il giornalino aziendale…

E’ stato un seme per una doppia lettura dell’anno trascorso: la chiave professionale e la chiave personale. 

Il frutto? 

Il frutto

Il frutto? Il frutto vero e proprio del mio incontro con il coaching è il progetto dei miei secondi quarant’anni dal punto di vista personale e professionale.

Quando ho iniziato a lavorare si poteva pensare ad un percorso di carriera sia singolarmente sia ufficialmente all’interno di un’azienda. Nel mio caso: laurea, società di consulenza di management: da “assistant” a “partner”, da professional a imprenditore, entro i quarant’anni massimo. Al dopo non ci si pensava come se contassero solo i primi quarant’anni e poi si vivesse di rendita o forse altro …

Quando sono arrivata a quarant’anni da una parte, seppur in maniera non ortodossa, mi sono ritrovata ad aver svolto il compito e anche a poter vivere di rendita, ma dall’altra avevo ancora davanti degli anni e dell’energia da spendere e … un mondo cambiato. E quindi ho dovuto - come a vent’anni - pensare a una direzione da prendere e ci ho pensato non accontentandomi di una soluzione di breve periodo, ma cercando una direzione di medio-lungo periodo in cui poi magari far rientrare attività singole di respiro più breve.

Come avverte Steve Jobs ci sono dei puntini nella vita e guardandosi indietro si riesce anche a congiungerli e a vedere una logica in tutto quanto. A me sembra già di vederla anche se questo nuovo percorso in avanti è troppo breve per voltarsi indietro e trarre delle conclusioni.

E’ come avere la possibilità di partire per un viaggio.

Partire

Con uno sguardo nuovo

Un animo disponibile

Orecchie per ascoltare

Mani per stringerne altre

Semplicità per stupirsi

Sincerità per rimettersi in discussione

Non esigere nulla

Accontentarsi di poco

Per vivere alla giornata

E gustare l’essenziale… (non mi ricordo l’autore, se ce n’è uno di noto)

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Mi occupo da oltre dieci anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati ad investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Vengo da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ho pubblicato il mio primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook.

comments powered by Disqus

Ricerca

Argomenti

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Ce l’hai il tuo personal brand online? E riesci a fare carriera grazie a questo?

Oggigiorno il personal brand è un must, ma un conto è averlo, un conto è che funzioni per lo scopo che ci siamo proposti: cercare/cambiare lavoro.


Sapersi vendere consiste nel sapere cosa si ha da offrire e saperlo comunicare. Senza mentire però!

Il mercato del lavoro è un mercato come tanti altri, con i suoi pro e i suoi contro. Una certa etica però dovrebbe sempre prevalere, a partire da noi.


Estate tempo di libri…

Un libro è il compagno che non deve mancare nelle tue mancanze, per divertirti, riflettere, ispirarti...


Avere successo nel lavoro: una lunga strada per arrivarci e tanta energia per mantenerlo

Il lavoro è collegato spesso al successo nella vita. Ne può essere una determinante. Come raggiungere il successo e soprattutto come mantenerlo?


Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto