Giovani! non andate via dall'Italia. Cercate un lavoro prima in Italia

I giovani e il lavoro

Negli ultimi mesi mi succede sempre più spesso di lavorare con ragazzi e ragazze giovani: neolaureati o laureati da poco che sono alla ricerca di una loro dimensione lavorativa.

In genere sono brave ragazze e bravi ragazzi, laureati, seri… Le lauree vanno da ingegneria a filosofia, ci sono italiani ed europei, single e sposati con famiglia, tutti con un’età che va dai 25 ai 35 anni. Gente di buona famiglia, che vive a Milano, che ha studiato bene e che ha buone frequentazioni, … eppure anche questi ragazzi “soffrono”. La scuola in senso lato non gli insegna a cercare un lavoro a parte gli Open Day, i genitori appartengono ad un’epoca diversa e loro stessi, dovessero trovarsi a doversi cercare un lavoro, avrebbero delle difficoltà e quindi…

Meglio sapere che esistono servizi come quelli che mette a disposizione GoodGoing! che aiutano i ragazzi a orientarsi:

finire l’università o dare precedenza al lavoro

fare un master dopo l’università o iniziare a lavorare

che lavoro accettare quando si cominciano a fare dei colloqui

come ampliare la propria esposizione al mercato del lavoro

valutare come rafforzare alcune competenze, prima tra tutte quella linguistica, in particolare l’inglese

capire per cosa si è portati

trovare un “fil rouge” tra le varie esperienze fatte, che a volte sembrano frutto del caso o della contingenza

...

Se i giovani sono smart non serve un percorso di career coaching lungo. Ma vi assicuro che i ragazzi ne sono felicissimi: confrontarsi con persone che si occupano del mercato del lavoro in modo professionale e che si dedicano a loro è una scoperta!

Esistono le agenzie per il lavoro, gli annunci, ma per il resto c’è il deserto.

GoodGoing! è uno dei fiori di questo deserto … Lo dico in base ai feed-back che riceviamo da questi ragazzi dopo averli incontrati anche una sola volta.

Se quindi sei una madre, un padre, un parente o un conoscente di questi giovani non consigliare l’estero a scatola schiusa. Si può provare a farsi strada in Italia e se poi il mercato non risponde allargare gli orizzonti all’Europa o al mondo.
Attendo quindi una telefonata, una mail, un commento.

A presto!

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Cristina Gianotti si occupa da oltre quindici anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati a investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Viene da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ha pubblicato il suo primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook. Nel 2018 il suo secondo sul networking: "Connecting Dots: il networking, questo sconosciuto".

comments powered by Disqus

Ricerca

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Ah! la sintesi nel cv o nella presentazione di sè. Dipende anche dalla lingua usata...

“Italian is about 30% longer than English". Oltre a essere più breve, l’inglese è oggettivamente più sintetico.


“Il futuro del lavoro è femmina” di Silvia Zanella

Un libro che sviscera l'apporto femminile nel mondo del lavoro. Ma quanto valore ci stiamo perdendo non includendo le donne!


5 fasi per un processo di onboarding efficace – Verso il primo anniversario

Perché l’onboarding non termina con il primo giorno di lavoro


Language is Equality

Why activists say the Oxford Dictionary of English results for 'woman' are sexist


5 fasi per un processo di Onboarding efficace - Il periodo di prova (anche ai tempi dello smart working)

Parliamo ancora di onboarding, per una fase importante. Vi diciamo perché.

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto