GoodGoing! e la nuova offerta di formazione: cosa ci ha portato qui?

Moovs Training Framework

Intraprendere una svolta significativa a qualche anno di distanza dalla fondazione della società ha molteplici ragioni:

la prima è che nessuna impresa può permettersi di stare ferma in un contesto di rapidi mutamenti com’è quello che caratterizza i nostri tempi;

la seconda è che tutte le imprese hanno un ciclo di vita: a una prima “infanzia” deve seguire una fase di crescita, che non sempre si può realizzare con l’offerta iniziale e che in questi casi deve quindi prevedere delle novità;

la terza è quella di sfruttare i “talenti” delle competenze presenti e prepararsi all’inserimento di nuovi;

la quarta è che riteniamo di avere un’idea che, senza essere rivoluzionaria, comporta per le imprese che diverranno clienti significativi vantaggi pratici.

Partiamo dall’esigenza di crescita: se nella prima fase della nostra storia ci siamo focalizzati quasi esclusivamente sulle prestazioni dei professionisti che compongono il nostro team, per crescere è necessario allargare l’offerta, creando nuove fonti di ricavo e aumentare la percentuale delle ore fatturate. Come si può realizzare questo obiettivo? Da un lato, è necessario disporre di un’offerta “replicabile” (la formazione lo è, seppure nessun corso sia uguale a quello precedente), dall’altro, impiegando tecnologie che implicano la cessione di licenze per l’uso delle piattaforme unitamente ai contenuti, che sono al centro della proposta (questo ci differenzia dai puri venditori di tecnologie).

E ora parliamo delle competenze, i nostri “talenti”: sia Cristina che io abbiamo una lunga esperienza di consulenza, competenze acquisite sul campo e un forte orientamento ai risultati; nel corso della nostra carriera abbiamo erogato sovente corsi manageriali, tenuto conferenze, scritto libri, partecipato a convegni e prodotto molto materiale; ecco perché abbiamo condiviso l’idea che fosse naturale espandere le nostre attività facendoci guidare da ciò che sappiamo fare. Ma volevamo farlo in modo originale, caratterizzato e, soprattutto, innovativo.

Ormai la formazione in aula o via web sono prassi consolidate, ma non rispondono all’esigenza di poter somministrare corsi operativi in tempi rapidi, dove serve, quando serve, in modo efficace ed economico. Servono quindi degli strumenti, delle tecnologie. Sul mercato sono presenti molti sistemi LMS (Learning Management Systems) tra i quali scegliere, ma la curva di apprendimento e lo sforzo richiesto per portare sulla piattaforma i propri contenuti non ci avrebbero permesso di raggiungere risultati se non in tempi medi. No, per attuare il nostro disegno avevamo bisogno di una strada diversa. Strada che si è materializzata in forma di ricerca di partner qualificati che ci potessero affiancare, apportando strumenti, competenze e contenuti pronti in grado di permetterci di affrontare progetti complessi e impegnativi anche sotto il profilo dimensionale e delle risorse coinvolte già a partire dai primi mesi di questo anno nuovo.

Le esperienze maturate negli anni più recenti hanno orientato la ricerca verso alcuni paesi del Nord Europa, là dove posso contare su relazioni abbastanza estese. E non è stato difficile arrivare a identificare in breve tempo il partner giusto.

Chi è, cosa caratterizza Moovs e perché riteniamo di avere trovato il partner che fa al caso nostro sarà l’oggetto del prossimo articolo. Abbiate un po' di pazienza e scoprirete una realtà molto interessante.

Informazioni sull'autore
Stefano Carlo Longo
stefano.carlo.longo@goodgoing.it
Stefano Carlo Longo ha una lunga carriera di “innovatore” nel mondo dell’ICT, maturata in funzioni direttive nell’ambito commerciale, del marketing e della consulenza presso alcune tra le più importanti società internazionali, tra cui EY, Atos e Adobe. Co-fondatore di una società di eCommerce dedicata ai vini di alta gamma e investitore in una start up in ambito Mobile Engagement in rapido sviluppo (MobileBridge), ne promuove la presenza presso clienti e partner.

comments powered by Disqus

Ricerca

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Ah! la sintesi nel cv o nella presentazione di sè. Dipende anche dalla lingua usata...

“Italian is about 30% longer than English". Oltre a essere più breve, l’inglese è oggettivamente più sintetico.


“Il futuro del lavoro è femmina” di Silvia Zanella

Un libro che sviscera l'apporto femminile nel mondo del lavoro. Ma quanto valore ci stiamo perdendo non includendo le donne!


5 fasi per un processo di onboarding efficace – Verso il primo anniversario

Perché l’onboarding non termina con il primo giorno di lavoro


Language is Equality

Why activists say the Oxford Dictionary of English results for 'woman' are sexist


5 fasi per un processo di Onboarding efficace - Il periodo di prova (anche ai tempi dello smart working)

Parliamo ancora di onboarding, per una fase importante. Vi diciamo perché.

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto