"Le donne sono una delle cause dell'aumento del tasso di disoccupazione"

Kul

In occasione della festa della donna ho pensato di scrivere un commento a un articolo che ho letto di recente. Per lavoro e anche per curiosità leggo molto: libri – di diverso genere - ma anche newsletter.

In una newsletter di ESTE (cfr. ESTE-Parole di Management-3) ho trovato l’articolo intitolato: “Globalizzazione, robot e donne: perché cresce la disoccupazione” di Nicola Costantino e l’ho letto velocemente. Sono infatti donna e mi occupo professionalmente del mondo del lavoro. Quindi l’articolo mi poteva interessare. Incredula, l’ho messo da parte con l’intenzione di rileggerlo con più calma a distanza di giorni.

Tra le cause del fenomeno (strutturali e congiunturali), particolare importanza sembrano rivestire il crescente ricorso all’automazione nei processi produttivi, la globalizzazione dei mercati e l’ingresso delle donne (“L’altra metà del cielo” di Mao Tse-tung) nel mondo del lavoro.

– Nicola Costantino, Politecnico di Bari

In Italia la partecipazione delle donne nella fascia d’età 15-64 anni alla forza lavoro, tradizionalmente molto limitata, è (finalmente) passata dal 28% del 1973 al 53% circa del 2012, con un trend di ulteriore crescita grazie all’aumento dei livelli professionali e a sensibili evoluzioni di costume. Un dato questo assolutamente positivo, ma che comporta un ulteriore aumento dell’offerta di forza lavoro, a fronte della stessa, stagnante, domanda. Entrambi i fenomeni globalizzazione e partecipazione delle donne si sono quindi sviluppati a partire dalla metà degli Anni 70, sommandosi ai processi di disoccupazione tecnologica già in atto e togliendo progressivamente potere contrattuale ai lavoratori, che hanno infatti visto arrestarsi il processo di progressiva riduzione degli orari di lavoro e ridursi la quota parte di reddito a loro riservata, a favore della remunerazione del capitale: in Italia la quota di Pil destinata al lavoro è passata dal 74% nel 1980 al 64% del 2010 e la situazione degli altri Paesi industrializzati è del tutto analoga.

– Nicola Costantino, Politecnico di Bari

Si delinea pertanto all’orizzonte un’epoca di cambiamenti epocali, non necessariamente negativi. Abbiamo le possibilità tecnologiche per realizzare la previsione di Keynes – assicurare un adeguato livello di vita a tutti lavorando poche ore al giorno – ma dobbiamo letteralmente inventare nuovi modi di leggere i fenomeni economici e di governare un sistema sempre più globalizzato e interconnesso: una sfida tutt’altro che facile, ma che dobbiamo affrontare se non vogliamo che paradossalmente il sistema economico mondiale vada in crisi non per scarsità, ma per sovrabbondanza di capacità produttiva.

– Nicola Costantino, Politecnico di Bari

Non riesco a capacitarmi di tali affermazioni. Va bene cercare le cause del lavoro che non c'è, va bene proporre nuovi punti di vista anche provocatoriamente, ma le donne no!!!

I lavoratori sono uomini e donne, punto.

Dire che le donne entrando nel mondo del lavoro soddisfano la stessa domanda di lavoro degli uomini vuole dire che il mondo del lavoro è un mondo di uomini e per gli uomini, le donne sono delle intruse.

Come dire che in USA il costo del lavoro è aumentato da quando è stata vietata la schiavitù.

Nel 2017 a più di 100 anni dall’evento tragico che ricordiamo con l’8 marzo – dobbiamo ribadire che la donna è un essere umano con uguali diritti e doveri di tutti gli altri esseri umani, cioè quelli dell’altro genere:

  • La donna ha uguali diritti e doveri.
  • La donna può fare tutti i lavori che fanno gli uomini.
  • La donna può scegliere in autonomia la sua vita senza chiedere a un uomo (padre o marito che sia).
  • La donna ha un’anima.
  • La donna ha diritto di voto.
  • La donna deve essere pagata per il lavoro che fa e non meno per via del sesso.
  • La donna deve avere il diritto di lavorare anche in tempi di crisi come gli altri e non essere la prima a essere messa fuori dal modo del lavoro.

Possibile dover ribadire queste cose nel 2017? Purtroppo sì, visto che alcune non si sono ancora realizzate e altre vengono tuttora messe in discussione per esempio da un professore dello Stato Italiano!

Valeria Fedeli, Ministra, - lei che è donna -  le pare ammissibile? Le parole hanno un peso e un impatto, come si fa a educare i giovani con tali “professori”?

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Mi occupo da oltre dieci anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati ad investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Vengo da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ho pubblicato il mio primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook.

comments powered by Disqus

Ricerca

Argomenti

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Ce l’hai il tuo personal brand online? E riesci a fare carriera grazie a questo?

Oggigiorno il personal brand è un must, ma un conto è averlo, un conto è che funzioni per lo scopo che ci siamo proposti: cercare/cambiare lavoro.


Sapersi vendere consiste nel sapere cosa si ha da offrire e saperlo comunicare. Senza mentire però!

Il mercato del lavoro è un mercato come tanti altri, con i suoi pro e i suoi contro. Una certa etica però dovrebbe sempre prevalere, a partire da noi.


Estate tempo di libri…

Un libro è il compagno che non deve mancare nelle tue mancanze, per divertirti, riflettere, ispirarti...


Avere successo nel lavoro: una lunga strada per arrivarci e tanta energia per mantenerlo

Il lavoro è collegato spesso al successo nella vita. Ne può essere una determinante. Come raggiungere il successo e soprattutto come mantenerlo?


Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto