L'incontro di networking per individuare opportunità professionali "nascoste"

Incontro di networking 1:1

L'incontro 1:1 con una persona che conosco per individuare un'opportunità professionale

Il suggerimento è quello di puntare sempre su contatti di persona, facendosi però precedere da un appuntamento telefonico in cui vengano chiariti, tempi, modi e contenuti dell’incontro.

Per agire in questa fase occorre innanzitutto osservare che non dobbiamo domandare un lavoro ai nostri interlocutori, chiedere bensì informazioni e ulteriori contatti.

Difficilmente infatti il nostro interlocutore sarà in grado di darci, in prima persona e immediatamente, un’occasione di lavoro. Invece, di norma, si renderà ben volentieri disponibile a indicarci altri contatti utili nella nostra ricerca, facendosi in alcuni casi nostro portavoce presso gli interlocutori prescelti, a condizione che la nostra richiesta e il nostro profilo professionale siano chiaramente e facilmente “trasmissibili”. Occorrerà pertanto sollecitare la curiosità e l’interesse del nostro interlocutore, evidenziando non il nostro problema, ma il nostro potenziale.

La richiesta deve essere quella di aiutarci a individuare in quali aziende, organizzazioni o situazioni, sulla base delle conoscenze specifiche del nostro interlocutore e dei suoi contatti, il nostro patrimonio di sapere e saper fare, possa meglio essere collocato, valorizzato e produrre quindi valore aggiunto, così che la nostra candidatura possa essere valutata positivamente. Sarà ovviamente opportuno saper adattare linguaggio e messaggio al contesto di riferimento e alla cultura specifica degli interlocutori.

Suggerimento: citare il tipo di azienda ideale, la posizione, la funzione o il ruolo a cui si mira. Citare i nomi delle organizzazioni che ci interessano. La gente ha bisogno di un quadro di riferimento per aiutarci nella nostra ricerca. E’ più facile offrire supporto e sviluppare dei contatti avendo informazioni specifiche.

Una volta ottenuti gli appuntamenti occorrerà preparare gli incontri, identificando gli argomenti su cui il nostro interlocutore potrebbe aiutarci maggiormente, in ragione delle sue competenze o dei suoi contatti, secondo un’agenda simile a quella che segue:

Introduzione / apertura / fase iniziale (es. convenevoli, rottura del ghiaccio, ringraziamenti, aggancio con la persona che si conosce)

Presentazione di sé

Obiettivo / richiesta

Domande / brainstorming

Piano d’azione reciproco

Chiusura (ringraziamento, nuovo contatto).

In generale si consiglia di essere:

Breve - L’interlocutore potrà dedicarci circa mezz’ora, massimo un’ora e l’incontro serve a costruire/ottenere qualcosa durante l‘incontro stesso. L’interlocutore non si porterà dei compiti a casa se non quelli operativi decisi/assunti durante l’incontro

Mirato / focalizzato sull’interlocutore e su cosa vuole chiedere - La focalizzazione va fatta modificando il bilanciamento delle esperienze professionali e le realizzazioni menzionate

Concreto - Dare peso a quanto uno sa fare piuttosto che all’aziende per cui uno ha lavorato, ai ruoli ricoperti, ai riporti gerarchici. Ciò si traduce nel fare degli esempi (le realizzazioni), sempre in modo sintetico inizialmente.

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Mi occupo da oltre dieci anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati ad investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Vengo da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ho pubblicato il mio primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook.

comments powered by Disqus

Ricerca

Argomenti

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Ce l’hai il tuo personal brand online? E riesci a fare carriera grazie a questo?

Oggigiorno il personal brand è un must, ma un conto è averlo, un conto è che funzioni per lo scopo che ci siamo proposti: cercare/cambiare lavoro.


Sapersi vendere consiste nel sapere cosa si ha da offrire e saperlo comunicare. Senza mentire però!

Il mercato del lavoro è un mercato come tanti altri, con i suoi pro e i suoi contro. Una certa etica però dovrebbe sempre prevalere, a partire da noi.


Estate tempo di libri…

Un libro è il compagno che non deve mancare nelle tue mancanze, per divertirti, riflettere, ispirarti...


Avere successo nel lavoro: una lunga strada per arrivarci e tanta energia per mantenerlo

Il lavoro è collegato spesso al successo nella vita. Ne può essere una determinante. Come raggiungere il successo e soprattutto come mantenerlo?


Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto