Vanità o superbia? E se sto cercando lavoro come la mettiamo?

Narciso

In questo mondo gridato e social, sembra che non si possa fare a meno di essere presenti sui social, di parlare di sé, di presentarsi e travolgere l’altro con quanto si è fatto…

A volte ho proprio l’impressione che si stia esagerando.

  • Incontrate anche voi persone che vi raccontano il loro cv a pranzo anche se li conoscete da decenni?
  • O persone che sui social ne dicono di ogni, come se fossero in casa loro, senza limiti, senza educazione, senza contesto?
  • O persone che su LinkedIn, la rete professionale per eccellenza si diceva, si autolodano e congratulano per aver assunto una posizione nel board di un’associazione no profit che dovrebbe essere l’ultima delle loro occupazioni se veramente fossero professionisti di rilievo e “ in carriera” o persone che si autopubblicizzano per riconoscimenti cercati e pagati….

Insomma è vero che dobbiamo curare il nostro brand, ma quello che conta è ancora una volta la coerenza. E come comunico con gli altri e sui social deve essere coerente con il mio brand e il mio stile. Quindi ad esempio: misurato, calma, un po’ intrigante o che induce a riflettere, con una cadenza non oraria
neanche giornaliera!

Penso di non essere l’unica ad aver raggiunto “il colmo”.

Ho letto e messo da parte un articolo qualche mese fa di Nicola Gardini, intitolato "I Vanitosi? Sono ansiosi e insicuri". Qualche citazione merita.

Io e ancora io.

Ecco la vanità. Un esperto di psicologia sociale come Stendhal la considerava il peggior difetto dell’essere umano. Vi includeva: esteriorità, orgoglio, permalosità, suscettibilità, calcolo, arroganza, mondanità, frivolezza; insomma, tutto quello che mortifica lo scambio, la partecipazione e la scoperta. In una pagina autobiografica, dopo un brutto melodramma, ha sospirato: «Io vedo tutto il nulla della vanità.». Era, secondo lui, la passione più in voga del suo secolo. Non aveva visto il nostro.

– Nicola Gardini

I selfie

Un io può esistere solo come funzione, in un sistema di rapporti e di riconoscimenti reciproci. Eh sì, ci vogliono gli altri, o l’io, se non ci basta ridurlo al primordiale istinto dell’autoconservazione, dove va a finire? Negati gli altri a priori, il vanitoso stabilisce la relazione con un doppio di sé. Suo strumento e tratto distintivo è lo specchio, e questo va bene in tutte le varianti: dallo stagno di Narciso (e di tutti i suoi imitatori, la Laura di Petrarca, la Silvia o il Rinaldo di Torquato Tasso, il Dorian Gray di Oscar Wilde, la strega di Biancaneve etc.) all’impazzante selfie dei nostri giorni, singolare o collettivo, vera e propria prova di contorsionismo psichico e somatico, su cui Carlo Fava ha inventato una divertente canzone, Selfie di schiena. Svetonio ci racconta che l’imperatore Caligola si era fatto scolpire una statua d’oro a sua somiglianza e che tutti i giorni imponeva che la vestissero come lui. Più complicato e più dispendioso, ma il principio è quello.

– Nicola Gardini

Vanitoso o superbo?

Si è vanitosi quando si dà importanza principalmente alle cose materiali, a ciò che tutti hanno sotto gli occhi: la faccia, il fisico e quel che li accompagna, dalla capigliatura al trucco al vestito alla tasca al portafoglio. L’Encyclopédie di Diderot, alla voce vanité, sghignazza contro i patiti del vestiario lussuoso. La vanità non può appartenere alla persona che coltiva il pensiero, l’arte, la bontà. Una persona del genere sarà semmai superba, conoscendo i suoi talenti e non aspettandosi che questi gli siano attribuiti dall’esterno o dall’alto. Cicerone e Dante sono superbi – e ne hanno consapevolezza –, non vanitosi. Il filosofo Schopenhauer distingue così le due tendenze: «la superbia (Stolz) è la convinzione già esistente della propria superiorità, in un senso o nell’altro; la vanità (Eitelkeit) è, invece, il desiderio di suscitare quella convinzione negli altri, accompagnato per lo più dalla segreta speranza di poterla fare, di conseguenza, anche propria.

– Nicola Gardini

Preoccupante!

Se siamo tutti vanitosi, la baracca non sta in piedi, niente società. E perché l’universale disgregazione non abbia la meglio, si lascia a pochi “altolocati” il potere e la missione di governare. I vanitosi si credono padroni del mondo, e invece si distraggono dalle loro responsabilità civili, lasciando che altri si occupino delle questioni fondamentali, imponendo visioni e decisioni. Meglio un popolo di superbi, che almeno sanno che cosa succede fuori dei contorni dei loro specchi e, laddove sia richiesto, si rimboccano le maniche. Meglio ancora un mondo di specchi magici come quelli che il Ruggiero di Ariosto incontra dopo la sua sbornia di vanità nel regno di Alcina: una levigatezza luminosa in cui uno si vede fin dentro l’anima e, conoscendosi, acquista giudizio e preveggenza.

– Nicola Gardini
Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Mi occupo da oltre dieci anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati ad investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Vengo da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ho pubblicato il mio primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook.

comments powered by Disqus

Ricerca

Argomenti

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Ce l’hai il tuo personal brand online? E riesci a fare carriera grazie a questo?

Oggigiorno il personal brand è un must, ma un conto è averlo, un conto è che funzioni per lo scopo che ci siamo proposti: cercare/cambiare lavoro.


Sapersi vendere consiste nel sapere cosa si ha da offrire e saperlo comunicare. Senza mentire però!

Il mercato del lavoro è un mercato come tanti altri, con i suoi pro e i suoi contro. Una certa etica però dovrebbe sempre prevalere, a partire da noi.


Estate tempo di libri…

Un libro è il compagno che non deve mancare nelle tue mancanze, per divertirti, riflettere, ispirarti...


Avere successo nel lavoro: una lunga strada per arrivarci e tanta energia per mantenerlo

Il lavoro è collegato spesso al successo nella vita. Ne può essere una determinante. Come raggiungere il successo e soprattutto come mantenerlo?


Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto