Vuoi fare carriera? Sai come rispondere al tuo capo?

Preparare Presentazione Multimediale

Vi voglio raccontare la storia di un I livello aziendale che, a seguito di una riorganizzazione, è stato sollevato dal suo incarico per assegnargli un altro ruolo. Succede spesso che quando non si è più graditi in azienda si venga promossi a una posizione all’estero oppure alla cura di progetti speciali a volte addirittura un po' improvvisati. Capita e continuerà a capitare.

Ma anche partendo da una posizione “compromessa” o che pare di debolezza il mio consiglio come business coach è quella di giocarcela al meglio. Non abbandono mai una causa, quindi supporto le persone infondendo comunque fiducia e voglia di fare bene. Facendo bene si è perlomeno soddisfatti di se stessi, senza aspettare riconoscimenti dagli altri e quanto fatto contribuisce alla crescita delle nostre competenze e capacità anche caratteriali: per esempio non solo resistere (vedi “resilienza”) ma reagire (vedi “antifragilità”).

Cosa abbiamo fatto insieme nel nostro percorso di Career Coaching?

Ci siamo preparati ad andare sul mercato per cogliere nuove opportunità. Risposta “di scuola”.

Peccato che i tempi non siano particolarmente facili anche a volersi dar da fare e quindi ho suggerito di sfruttare al meglio l’alternativa 0 (che deve essere sempre essere considerata) e cioè di rimanere nell’azienda in cui si sta lavorando, magari focalizzandosi un po' più su stessi e quello che ci conviene, piuttosto che essere sempre ingenuamente votati alla gloria dell’impresa per cui lavoriamo. Ma questa è un’altra storia.

Cosa facciamo? L’Amministratore Delegato ha proposto a Carlo – nome di fantasia ovviamente – di occuparsi di una tematica, chiamamola “Open Innovation”. Inizialmente gli è stato assegnato il tema, peraltro in linea con le sue competenze e potenzialità, ma senza un’investitura decisa. Poi l'AD gli ha proposto un’attività più tecnica di allestimento di un laboratorio di innovation.

Alcuni mesi di empasse.

Che fare?

Una possibilità è quella di aspettare, crogiolarsi nel silenzio di queste settimane di chiusura, etc.

Un’altra è quella di chiudere mentalmente ed emotivamente anzitempo e pensare decisamente al dopo. Difficile da fare finché il distacco non si verifica in concreto. E comunque non conveniente per Carlo.

Un’altra possibilità è quella di trasformare quel poco che viene proposto in opportunità per svolgere il compito al meglio. Come svolgere il compito al meglio? Preparando una bella presentazione (sono una consulente…) su come mettere in piedi un laboratorio di innovazione a partire dalle basi, cioè proprio dall’infrastruttura tecnica. E’ vero che in sé è la parte relativa alla progettazione della infrastruttura tecnica non è un’attività da I livello aziendale, ma è anche vero che se poniamo l’attività in un’ottica più ampia anche questa ha il suo senso.

Cogliamo quindi questa opportunità per mettere in piedi una proposta di progetto a partire dall’infrastruttura fisica e tecnica per passare alle persone, all’organizzazione, ai temi da trattare: da quelli a breve a qualcuno a medio-lungo, da come coinvolgere il resto dell’organizzazione a come dare visibilità al progetto sia internamente sia all’esterno, magari tramite post e poi partecipando a convegni, facendo magari azioni di comarketing con qualche fornitore di tecnologia o qualche organizzazione di ricerca.

Carlo ha interpretato a suo modo l’input. Ha prodotto un documento word, quando io davo per scontato una presentazione con slide ben fatte – e vedete come la mappa non è il territorio… anche tra persone con un background in parte comune. Il documento era una specie di ricerca su come si fanno gli innovation lab, a cosa servono ecc. Volendo essere cattivi una specie di ricerca che facevo alle medie o al liceo scopiazzando l’enciclopedia (ai miei tempi internet non c’era).

Non è questo il modo di tener testa a un AD.

In ogni modo è un primo passo che può essere presentato come un documento introduttivo per fissare un linguaggio comune.

Quello che si aspetta un capo in ogni caso da un suo primo riporto non è una lezione teorica, ma è la presentazione di un progetto, della sua fattibilità.

Quindi se sei un primo riporto di un AD e quindi un dirigente devi decidere o comunque prendere posizione ed essere propositivo.

In questo caso vuol dire illustrare come faresti tu, in dettaglio, usando un mezzo come le presentazioni PPT ben fatto, "sexy", curato, dettagliato. Sarà un esercizio inutile?

Non penso proprio:

  • Tu sarai soddisfatto di te
  • Il tuo capo riconoscerà comunque professionalità e managerialità
  • Potrebbe servirti come esercizio in un futuro anche a breve per proporti sul mercato.

Quindi, al lavoro!

1600X1036 Prsnt Keynote Template Preview 3

Usa foto, video, musiche, modelli di business, tabelle, interviste…

Come se dovessi preparare un pitch da start-up, in fondo devi vendere un’idea facendola sembrare già fatta, concreta!

e GoodGoing! ?

I nostri consulenti e coach ti possono aiutare nel metodo, nella progettazione, nella revisione, nella messa a punto anche verbale della presentazione. Grazie ai nostri background e alle nostre esperienze possiamo supportarti al meglio nei diversi aspetti. Non sei solo! Chiamaci o scrivici a info@goodgoing.it.

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Cristina Gianotti si occupa da oltre quindici anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati a investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Viene da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ha pubblicato il suo primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook. Nel 2018 il suo secondo sul networking: "Connecting Dots: il networking, questo sconosciuto".

comments powered by Disqus

Ricerca

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Come allargare il proprio network a fini professionali

Networking è allargare il cerchio delle conoscenze sfruttando le occasioni professionali per entrare in contatto con persone di interesse.


5 fasi per un processo di onboarding efficace - Il primo giorno di lavoro

Qualche consiglio ed un promemoria per integrare al meglio i nuovi collaboratori nella vostra organizzazione


“La casa nella pineta” di Pietro Ichino

Storia di una famiglia borghese del Novecento e - attraverso di essa - la nostra storia.


5 fasi per un processo di Onboarding efficace - Prima del primo giorno

Quali attività pianificare per un processo di Onboarding efficace


Ce la farai a cambiare lavoro!

Volere è potere: non è una frase fatta e quella che segue è una storia vera che nell'Italia di oggi è una storia emblematica e di successo.

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto