Business Plan versus Business Model Design?

Unnamed

Negli ultimi anni si sente parlare sempre più spesso di Business Model Design, sia nella sua forma più nota – il Business Model Canvas di Alexander Osterwalder, che nella sua forma un po’ meno nota del Lean Canvas di Ash Maurya.

I tempi cambiano e gli strumenti nuovi ci vengono in aiuto

L’innovazione digitale richiede un aumento di velocità, per le imprese, gli imprenditori e le start-up per creare o per ridefinire il proprio modello di business, in modo da essere il prima possibile operativi o reagire nel minor tempo possibile ai cambiamenti in corso nei mercati di riferimento.

Cosa scegliere, allora, per descrivere al meglio il proprio Business Model?

Molta letteratura definisce il business plan e il business model design come due modi alternativi di descrivere l’azienda e il valore da lei generato, il business model, appunto.

Ritengo, invece, che non lo siano, ma che per una buona riuscita di ogni attività imprenditoriale si dovrebbero utilizzare entrambe.

Strumenti alternativi o complementari o sequenziali?

Ogni imprenditore parte dalla propria business idea e deve stabilire per prima cosa: cosa fare, come farlo e per quali clienti. Deve però, fare attenzione a non innamorarsi del suo “prodotto”, ma essere il più possibile disincantato rispetto alle possibilità di successo e alla sostenibilità della sua idea.

Nel caso di una start-up o di una qualunque nuova idea imprenditoriale, consiglio di partire dal Lean Canvas, che concentrandosi sul bisogno da soddisfare e sulle possibili modalità di realizzazione, permette di mettere a fuoco la business idea.

Una volta che questa è stata affinata si potrà disegnare o ridisegnare, nel caso di imprese già esistenti, il modello di business attraverso l’impiego del Business Model Canvas.

Perché proprio il Business Model Canvas? Perché definisce in maniera chiara e intuitiva i suoi clienti, cosa la distingue, le sue risorse e relazioni chiave, i suoi canali distributivi e la struttura dei costi e dei ricavi.

Un business model sintetizzato in una pagina è uno strumento snello, visuale, di facile lettura, che può essere usato dal singolo imprenditore o dai manager di un’azienda, che permette di condividere e illustrare rapidamente la propria azienda.

Allora, perché ritengo che sia importante per un’impresa o un imprenditore avere anche il business plan?

Perché il Business Plan è il documento, formale, che descrive in maniera qualitativa e quantitativa, attraverso tabelle economico-finanziarie, cosa e come fare per mettere in pratica il proprio business model; perché se un’idea non è economicamente e finanziariamente sostenibile, è meglio lasciar perdere.

In sintesi, sarebbe auspicabile redigere il Business Plan dopo aver creato e validato il proprio modello di business grazie all’impiego del Business Model Canvas.

Informazioni sull'autore
Tamara Andreello
tamarello@hotmail.com
Tamara Andreello è laureata in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Torino e, dopo una ventennale carriera in aziende di medio-grandi dimensioni, in diverse funzioni e ruoli manageriali e in contesti internazionali, da alcuni anni si occupa di consulenza di direzione e in particolare di pianificazione strategica e processi organizzativi. Focalizza la propria attenzione sulle piccole e medie imprese, che accompagna nella pianificazione e nell'attuazione del loro modello di business e per cui sviluppa business plan, business model canvas, riorganizza processi comunicazione interna.

comments powered by Disqus

Ricerca

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Accelerare la carriera a 30 anni. Ritrovare un lavoro dopo i 50. Come?

Due casi reali e le “ricette” di GoodGoing!


Quali speranze in un futuro migliore ci sono per i nostri giovani?

La pandemia ha accentuato la disillusione e la demotivazione delle nuove generazioni


Il tuo profilo LinkedIn per cercare lavoro in 4 passi

Sia che tu ci sia già o non ci sia ancora o voglia verificare cos'è meglio fare su LinkedIn per cercare lavoro, segui questi 4 passi.


LinkedIn: lo conosci davvero?

LinkedIn è un'ecosistema in evoluzione, ma quanti lo conoscono e lo sanno usare per i propri obiettivi?


GoodGoing! e la Corporate Social Responsability (CSR)

Ormai le migliori organizzazioni si occupano dell'impatto sociale di quanto fanno. Noi questo lo interpretiamo facendo qualcosa di "buono".

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto