Coaching: e se mi servisse davvero?

Le basi del Coaching

Cos'è il Coaching?

Eh sì, purtroppo, nonostante la parola "coach" o "coaching" sia in alcuni casi abusata, in altri è ancora sconosciuta, fraintesa, ignorata, …

In Italia poi, quando si nomina la parola “coach” la mente va subito al coach del pallone, vero? Quello è il "Coach" o anche il "Mister". Eppure anche lui (o lei) a volte ha bisogno di un coach!

Si racconta che Ancelotti prima di diventare un allenatore vincente (cioè tantissimi anni fa) abbia fatto un percorso di coaching...

In ambito professionale – dove la professione non è uno sport – il coaching va spiegato.

E cosa meglio di un video? Cos'è il Coaching

Perché dunque affidarsi ad un Coach?

1. Per individuare obiettivi realistici e migliori.

Raggiungere gli obiettivi prefissati rappresenta per ognuno di noi una grande soddisfazione. Quando invece ci rendiamo conto che stiamo sprecando tempo e preziosa energia correndo verso una direzione nebulosa o, peggio ancora, sbagliata, lo sconforto ci assale e il mondo assume contorni piatti e grigi.

Il Coach supporta l'individuo nel fissare obiettivi realistici ed in linea con le proprie aspettative, utilizzando le risorse disponibili ed offrendo una competente visione dall'esterno.

2. Per raggiungere velocemente i propri obiettivi.

Quante volte ci è capitato di essere travolti dalle incombenze quotidiane e quindi di vedere i nostri veri obiettivi allontanarsi inesorabilmente?

Il Coach aiuta a mantenere l'attenzione concentrata sul bersaglio e a lavorare con determinazione per raggiungere la propria meta nei tempi concordati.

3. Per affrontare con serenità cambiamenti professionali significativi.

Viviamo oggi nell'epoca del cambiamento rapido e continuo. Resistere al cambiamento significa essere respinti dal sistema ed affrontare con fatica ogni minima variante alle proprie consolidate abitudini.

Il Coach offre una finestra attraverso la quale verificare le conseguenze del modello statico e visualizzare i vantaggi del cambiamento proattivo. Il Coach permette alla persona di evolversi e progredire.

4. Per progettare e perseguire la propria carriera professionale.

Chi ha detto che dobbiamo subire la professione e la carriera che ci capita? Siamo tutti artefici del nostro destino, almeno in parte.

Il Coach permette di catalogare le proprie competenze, fatte di cultura e di esperienza, e di orientarle verso il mestiere più adatto al proprio desiderio di realizzazione professionale.

5. Per affrontare le incertezze e i pungoli decisionali.

Al manager viene chiesto di prendere decisioni rapide e giuste, ma spesso ciò succede senza il tempo di raccogliere le informazioni disponibili e soppesarle con saggezza.

Il Coach ascolta e riflette le argomentazioni del cliente affinché la decisione corretta possa emergere dopo essere stata rivoltata ed sviscerata con puntiglio ed attenzione.

6. Per ridurre lo stress dovuto alla solitudine del manager.

Il Manager, il Professionista, l'Imprenditore, è fondamentalmente una persona che agisce e decide in solitudine. Non c'è team, o capo, o collega, o amico a cui possa far completo affidamento.

Il Coach è il manager suo pari con il quale esplorare una nuova idea, esprimere preoccupazioni e scetticismi,
fare programmi e fantasie di business, con la serenità di poter riflettere ad alta voce ed esprimere la propria creatività senza limiti.

7. Per diventare un leader, o almeno un manager migliore.

L'arte della leadership si impara attraverso l'abitudine al comportamento etico e corretto. Essere un leader riconosciuto significa acquisire metodi relazionali apprezzati e condivisi.

Il Coach è lo specchio parlante che offre la magia della scoperta dei propri valori personali, collabora al miglioramento di immagine e di pensiero, aiuta a perfezionare il contesto relazionale, offre un punto di vista imparziale per determinare risorse e lacune.

A chi serve il coaching quindi?

Anche qui un video - A tutti serve un coach. Anche a Te! - aiuta.

GoodGoing! con i suoi coach è pronta a supportati nei tuoi progetti di sviluppo e di cambiamento. Siamo a disposizione per una call o un incontro in cui definire insieme quanto ti è necessario! 

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Mi occupo da oltre dieci anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati ad investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Vengo da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ho pubblicato il mio primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook. Nel 2018 il mio secondo sul networking: "Connecting Dots: il networking, questo sconosciuto".

comments powered by Disqus

Ricerca

Argomenti

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

"Buonanotte signor Lenin" di Tiziano Terzani

Alcuni libri diventano dei classici e accompagnano la storia, oltre che il tuo viaggio.


"Padre ricco, padre povero" di Robert T. Kiyosaki

Un libro per imparare, anche in vacanza o nel tempo libero


"Cigni selvatici" di Jung Chang

Un libro per comprendere il paese in cui viaggi: uno strumento piacevole ed efficace!


"Sergio Marchionne" di Tommaso Ebhardt

Un libro da portare in viaggio: per divertirsi, per imparare, per confrontarsi, per aprire la mente.


"Un indovino mi disse" di Tiziano Terzani

Prova ad adottare un libro come compagno di viaggio. La lettura valorizza e amplifica l'esperienza che stai vivendo.

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto