Come allargare il proprio network a fini professionali

Webinar Videoconferenze 1200X545 C

Il lockdown e i webinar

Il lockdown è finito, la fase 2 pure, è iniziata la fase 3.

Eppure ci vuole ancora un grazie a quei tanti che hanno messo a disposizione la loro conoscenza (che non scade!) e l’hanno condivisa gratuitamente e resa fruibile facilmente durante questo periodo difficile.
Tutti abbiamo seguito dei webinar.

Qui voglio segnalare in particolare quelli messi a disposizione da una piccola società di consulenza - Beople. Piccola nei confronti di Politecnici e Università anche internazionali, intendo, che sono stati i miei altri punti di riferimento.

Il Business Model Canvas

Beople lavora sul Business Model Canvas, uno strumento che serve per mettere a punto i modelli di business delle start-up, delle aziende che si devono reinventare, delle aziende che devono far partire qualche nuova iniziativa di business oppure che devono rivedere come operano nel mercato o come producono o come si sostengono, … Insomma hanno costruito un’offerta di consulenza e formazione su questo strumento inventato da Alex Osterwalter non più di una dozzina di anni fa.

Tale strumento l’ho incontrato personalmente nelle associazioni del terzo settore in cui ho fatto mentoring alle start-up, lo uso nel mio lavoro di supporto a manager, consulenti e imprenditori, ne ho acquisito anche la dimestichezza nell’applicarlo alla singola persona per supportare il suo sviluppo di carriera. In questo caso si fa riferimento a Tim Clark con il suo “Business model YOU”.

Premesso questo, durante il lockdown, Beople ha messo a disposizione prima uno e poi una serie completa di webinar per rivedere il modello di business a fronte di quanto ci sta succedendo, cioè della pandemia e di quello che ne consegue come impatto sul business.

I webinar di Beople

Mi sono persa il primo, poi siccome lo avevano registrato ho fatto il I e seguito in diretta il II e così via.

I temi sono stati:

1. Risposte immediate, alternative future
2. Ragionare da start-up “Dormire con il cliente”: per comprendere ve anticipare il mercato
3. Economia Circolare: sfide e opportunità verso la resilienza
4. MPF (Minimo Processo Fattibile): come passare dalla teoria alla pratica e generare impatti
5. Distanti, ma efficaci: come facilitare workshop e processi da remoto
6. Incertezza, innovazione e investimenti: come testare le (nuove) idee ai tempi del Covid-19

Perché li cito? Sono stata veramente impressionata dal fatto che venissero messi a disposizione dei webinar ben fatti, di un’ora, ben organizzati anche tecnicamente (fatto salvo il lavoro da casa), in cui ho percepito del valore e non solo un mezzo per farsi conoscere. Insomma Applausi!!!

Cosa ne possiamo trarre come professionisti e networker?

  • Che a volte è bene dare, perché tanto poi ritorna
  • Che se dai qualcosa di valore, il network si allarga, eccome!
  • Che se si fanno le cose, è bene farle bene
  • Che se si fanno delle iniziative per puro marketing ti sgamano subito e impatti negativamente sulla tua reputazione
  • Che non va bene fare una cosa se la fanno tutti, ma se ci credi: 7 webinar con un filo logico non si improvvisano
  • Che i partecipanti a volte sono veramente un indicatore del tuo valore.

Se avrò bisogno di un partner li sceglierò, se dovrò consigliare un training li consiglierò, ho diffuso la voce nel durante a diverse persone come me amanti del conoscere…. E così avranno e faranno tutti gli altri partecipanti ed erano centinaia. Questo si chiama Content Marketing.

GoodGoing! e il networking

GoodGoing! fa lo stesso – speriamo con altrettanti riscontri – con il suo blog.

Scusate… qualcuno non ha capito il titolo rispetto al contenuto? Beh rileggetevi l’articolo …. E riflettete su come si approcciano le persone per conquistarne fiducia!

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Cristina Gianotti si occupa da oltre quindici anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati a investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Viene da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ha pubblicato il suo primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook. Nel 2018 il suo secondo sul networking: "Connecting Dots: il networking, questo sconosciuto".

comments powered by Disqus

Ricerca

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Speakap: working smarter in the smart working age

La piattaforma social Intranet che abilita collaborazione e coordinamento anche a distanza


Lavoro a distanza e Smart Working: quali le differenze e come arrivarci

Il lavoro a distanza ha incontrato molti favori. Ma lo smart working è un’altra cosa. Vi raccontiamo le differenze e come ci si arriva..


"Ricomincia da te" di Paola Pesatori

Settembre è il mese dell'inizio: della scuola, del lavoro, della ricerca del lavoro, delle promozioni, delle assunzioni.


Come sostituire la revisione annuale delle performance?

Ecco l’alternativa ad una pratica passata di moda


Ah! la sintesi nel cv o nella presentazione di sè. Dipende anche dalla lingua usata...

“Italian is about 30% longer than English". Oltre a essere più breve, l’inglese è oggettivamente più sintetico.

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto