Cosa voglio di più un lavoro io l’ho ...

Lucio Battisti ve lo ricordate? E' stato uno dei più famosi cantautori italiani degli anni ’70. Negli anni della mia gioventù cantava “Anna” ("Anna" di Lucio Battisti) e uno dei passaggi diceva: "Hai ragione anche tu, cosa voglio di più, un lavoro io l’ho …"

Images78 Uwtv9 R

Eppure, di recente una signora, Roberta, ha scritto al Sole24Ore nella sezione Alley Oop (sono una risorsa dimenticata) mettendo in evidenza che avere un lavoro non basta, anzi.

Adesso si legge e si parla molto di discriminazioni nei confronti delle donne – soprattutto delle madri – oppure si parla di molestie di tipo sessuale sul luogo di lavoro, di licenziamenti ingiusti, delle tecnologie che consentono di rendere autonomi interi processi produttivi o servizi rendendo superfluo il ruolo umano nell’organizzazione e gestione del lavoro. Ci sono però delle situazioni che stanno in una zona tra il bianco e il nero, situazioni che sono antipatiche sfumature poco etichettabili. Tra queste c’è un fenomeno di cui non si legge mai: l’amaro far niente.

– Roberta

Quante di noi, a volte, si sentono messe da parte o, peggio, sono convinte di essere state messe da parte e stanno somatizzando questa brutta realtà.

Leggendo la storia di Roberta ho pensato non tanto a me stessa, ma a una situazione che ho vissuto come manager di azienda, in cui sono riuscita a
fare qualcosa per due donne nella condizione di Roberta.

La responsabilità è del capo

Erano gli inizi degli anni 2000 e lavoravo come dirigente di azienda in una multinazionale italiana nel settore IT (Information Technology). Ero responsabile di un gruppo di Project Manager (PM), professione questa abbastanza diffusa nel settore. In realtà il gruppo doveva essere "rifondato": formato, costruito, istruito, amalgamato, fatto crescere. Mi avevano assunto apposta! 

Come molto spesso succede in azienda, le persone non le scegli ma ti vengono date. Al massimo puoi andartele a cercare all'interno in un modo più o meno strutturato. In fondo è comprensibile – aziendalmente parlando – utilizzare le persone che ci sono, anziché lasciarle da parte e prenderne altre da fuori. In più io credo nelle potenzialità delle persone, veramente. Ci credo ora - nella mia seconda carriera come coach - ma ci credevo anche allora, davvero!

I colleghi della divisione in cui operavo mi hanno fatto conoscere e incontrare diverse persone che già facevano il PM e altre che potevo prendere in considerazione anche se non si capiva bene cosa facessero, delle "Roberta" insomma. Mi ricordo ancora il racconto di una di queste, una signora di oltre 40 anni, forse anche 50, laureata in matematica, una carriera solo in quell’azienda, una delle aziende che hanno fatto l’informatica in Italia, che mi diceva di stare in un open space con altri che leggevano il giornale e guardavano il PC tutto il giorno. Che tristezza! Sia per le persone, sia per la conoscenza, sia per il patrimonio aziendale. Gettati al vento.

Due esempi dalla mia esperienza

Io ho creduto a queste due "Roberta".

Le ho fatte venire a Milano, le ho intervistate, le ho inserite nel mio gruppo, ho insegnato loro il lavoro, le ho seguite come un mentore oltre che un capo.

Me ne saranno eternamente grate. Ne sono sicura perché me lo hanno detto. Me lo ricordo perché nonostante avessero avuto tra i capi dei manager che hanno fatto una scuola di management (quella azienda era considerata una "scuola di management") mi hanno detto che sono stata la loro capa migliore.

Cosa ho fatto? Le ho guardate, ho dato loro una possibilità e non per fare del bene in realtà, ma per il bene dell’azienda innanzitutto.

Se poi ci mettessimo anche un po’ di umanità chissà come cambierebbe il mondo. Ma per ora di humanity e di wellbeing si parla solo nei convegni…

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Mi occupo da oltre dieci anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati ad investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Vengo da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ho pubblicato il mio primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook.

comments powered by Disqus

Ricerca

Argomenti

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Ce l’hai il tuo personal brand online? E riesci a fare carriera grazie a questo?

Oggigiorno il personal brand è un must, ma un conto è averlo, un conto è che funzioni per lo scopo che ci siamo proposti: cercare/cambiare lavoro.


Sapersi vendere consiste nel sapere cosa si ha da offrire e saperlo comunicare. Senza mentire però!

Il mercato del lavoro è un mercato come tanti altri, con i suoi pro e i suoi contro. Una certa etica però dovrebbe sempre prevalere, a partire da noi.


Estate tempo di libri…

Un libro è il compagno che non deve mancare nelle tue mancanze, per divertirti, riflettere, ispirarti...


Avere successo nel lavoro: una lunga strada per arrivarci e tanta energia per mantenerlo

Il lavoro è collegato spesso al successo nella vita. Ne può essere una determinante. Come raggiungere il successo e soprattutto come mantenerlo?


Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto