"Il censimento dei radical-chic" di Giacomo Papi

Censimento Radical Chic

Alcuni hanno provato a considerarmi snob o radical-chic, a volte, in alcuni atteggiamenti. Ecco quindi che quando mio marito ha letto questo libro, gliel’ho "rubato" non appena lo ha finito. Il volumetto si legge in un soffio perché - pur appartenendo alla categoria dei saggi - è scritto come un romanzo (o viceversa?), anzi un giallo. Io l’ho letto perché mi fido di quello che legge mio marito, non sono andata a vedere recensioni da nessuna parte.

Il modo di scrivere di Giacomo Papi è coinvolgente proprio perché passa dei concetti e delle riflessioni acute sul mondo di oggi attraverso un racconto giallo. In realtà la IV di copertina dice che "fa ridere". Beh! a me non ha fatto proprio ridere, forse perché ho colto sempre quello che c’è tra le righe!

La trama (dalla IV di copertina)

In un’Italia ribaltata – eppure estremamente familiare –, le complicazioni del pensiero e della parola sono diventate segno di corruzione e malafede, un trucco delle élite per ingannare il popolo, il quale, in mancanza di qualcosa in cui sperare, si dà a scoppi di rabbia e applausi liberatori, insulti via web e bastonate, in un’ininterrotta caccia alle streghe: i clandestini per cominciare, poi i rom, quindi i raccomandati e gli omosessuali. Adesso tocca agli intellettuali. Il primo a cadere, linciato sul pianerottolo di casa, è il professor Prospero, colpevole di aver citato Spinoza in un talk show, peraltro subito rimbrottato dal conduttore: “Questo è uno show per famiglie, e chi di giorno si spacca la schiena ha il diritto di rilassarsi e di non sentirsi inferiore”. Cogliendo l’occasione dell’omicidio dell’accademico, il ministro degli Interni istituisce il Registro Nazionale degli Intellettuali e dei Radical Chic per censire coloro che “si ostinano a credersi più intelligenti degli altri”. La scusa è proteggerli, ma molti non ci cascano e, per non essere schedati, si affrettano a svuotare le librerie e far sparire dagli armadi i prediletti maglioni di cachemire… Intanto Olivia, la figlia del professore, che da anni vive a Londra, rientrando per il funerale, trova un paese incomprensibile. In un crescendo paradossale e grottesco – desolatamente, lucidamente divertentissimo –, Olivia indaga le cause che hanno portato all’assassinio del padre. Attraverso i suoi occhi, facendo scattare come una tagliola il meccanismo del più affilato straniamento letterario, Giacomo Papi ci costringe a vedere, più che il futuro prossimo, il nostro sobbollente presente. Con spietata intelligenza e irrefrenabili risate. “Questo libro non contiene parole difficili.” Autorità Garante per la Semplificazione della Lingua Italiana DL, 17/6, n. 1728.

Leggere questo libro è un modo per sapere che alcuni come me non sono soli a pensare che questa società sta “andando a rotoli”. Non mi riferisco al coronavirus (staremo a vedere che impatto avrà sulla nostra umanità alla resa dei conti), bensì in termini di educazione, cultura, approfondimento, riflessione, uso dell’intelligenza, libertà di pensiero e di espressione.

DI seguito mi piace riportare tre citazioni che ho scelto dal libro stesso.

“Ci ho pensato molto, sai. Non è vero che gli intellettuali non servono a niente.” “Ah no? E a che cosa servirebbero?” “A sentirsi meno soli.” Olivia sollevò le sopracciglia, perplessa. “Che cosa c’entra la solitudine?” Cesare le strinse piano l’avambraccio e si mossero. “Le cose dentro i libri dimostrano che le cose dentro le persone si assomigliano.”

Questa è una considerazione neutra, addirittura positiva. Io l'ho letta in questo modo.

In effetti i libri sono un modo di occupare (bene) il tempo e servono a diversissimi scopi: studiare, conoscere, approfondire, ma anche divertirsi o riflettere. E non dipende dal genere. In questo periodo, per diletto, leggo dei gialli attraverso i quali comunque mi faccio un'idea di tante cose e alcuni passi me li segno, perchè sono "pillole di saggezza".

Quindi mi identifico e imparo.

“La cultura è una scommessa sul fatto che alla fine ci si possa capire. Per questo può dare fastidio”.

Anche questa affermazione... è positiva. Soprattutto pensando alla prima parte. La seconda purtroppo è molto triste. Se ci penso infatti non mi pare proprio che ci sia tanta libertà di espressione, ascolto, accoglimento...

Anche in ambito aziendale la mia esperienza mi porta a dire che tanti bei temi di cui si parla nei convegni, si scrive negli articoli, una volta che uno cerca di tradurli in pratica può essere messo da parte, giudicato, criticato, visto come "il grillo parlante" e quindi ... dà fastidio.

"... Perché per mangiare pensare non serve. Forse c’entrava anche questo con l’odio verso gli intellettuali: la cultura non può essere consumata, mentre oggi quello che ha valore deve essere divorato fino alla distruzione, fino a farlo sparire.

Acuto dal punto di vista politico e delle “strategie” posto che si possano affiancare la parola strategia a certi nostri politici che si riconoscono nel Ministro dell’Interno del libro.

Il ministro tacque di nuovo, poi sospirò:
“Lei lo sa perché gli intellettuali sono così importanti?”

Lo psicologo non lo sapeva, ma sapeva che era una domanda retorica e non doveva rispondere.
“E lo sa perché sono pericolosi?”

Lo psicologo non aveva mai pensato che potessero esserlo.

La voce flautata del ministro riprese a vagare per la stanza: “Perché le emozioni sono facili, elementari. Se impari i trucchi, le puoi governare, mentre i pensieri rimangono liberi, vanno dove dicono loro e complicano le cose. Dove comanda la ragione, la statistica muore”.

Questa citazione invece fa venire i brividi. Mi sembra di leggere un riferimento alla politica dei giorni nostri o della politica in generale che muove le masse facendo leva sulle emozioni.

E' vero che le emozioni hanno un loro valore e nelle pratiche di management da decenni ormai sono diventate un elemento da valorizzare... Oddio, mi viene un dubbio atroce!

Che anche in azienda il CEO voglia fare sue le parole del Ministro?

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Cristina Gianotti si occupa da oltre quindici anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati a investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Viene da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ha pubblicato il suo primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook. Nel 2018 il suo secondo sul networking: "Connecting Dots: il networking, questo sconosciuto".

comments powered by Disqus

Ricerca

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Come allargare il proprio network a fini professionali

Networking è allargare il cerchio delle conoscenze sfruttando le occasioni professionali per entrare in contatto con persone di interesse.


5 fasi per un processo di onboarding efficace - Il primo giorno di lavoro

Qualche consiglio ed un promemoria per integrare al meglio i nuovi collaboratori nella vostra organizzazione


“La casa nella pineta” di Pietro Ichino

Storia di una famiglia borghese del Novecento e - attraverso di essa - la nostra storia.


5 fasi per un processo di Onboarding efficace - Prima del primo giorno

Quali attività pianificare per un processo di Onboarding efficace


Ce la farai a cambiare lavoro!

Volere è potere: non è una frase fatta e quella che segue è una storia vera che nell'Italia di oggi è una storia emblematica e di successo.

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto