Il cliente è davvero al centro delle vostre attenzioni?

Customer Satisfaction

Ricordate il precedente articolo? Quello in cui abbiamo descritto l’accordo con Moovs e la complementarietà con GoodGoing? Lì si è fatto cenno alle sei aree relazionali strategiche sulle quali Moovs fornisce consulenza e su cui riteniamo opportuno ritornare per un approfondimento, ai fini di una condivisione. Ripartiamo quindi dalle sei aree, che sono:

  • La relazione con i clienti (customer development),
  • La relazione con gli impiegati (sviluppo delle competenze individuali),
  • La relazione con l’organizzazione (sviluppo organizzativo e delle capacità di business),
  • La relazione con terze parti (sviluppo di relazioni sostenibili e di lungo termine),
  • Le relazioni con la comunità (compartecipazione alle realtà locali e sviluppo della forza lavoro),
  • Le relazioni con la società (sviluppo sostenibile).

In questo articolo ci focalizzeremo sulla relazione con i clienti.

A questo proposito recentemente mi è stato raccontato un episodio che sottolinea come non sempre il personale delle società attribuisca ai clienti l’importanza che meritano, talvolta persino nella persona dell’amministratore delegato. Nel caso di specie, raggiunto dalla telefonata di un cliente durante una cena privata, motivata da quella che il cliente percepiva come un’emergenza, il top manager in questione rispose che in quel momento non voleva essere disturbato e che il cliente avrebbe potuto rivolgersi l’indomani ad un suo collaboratore. Sapete cos’è accaduto in seguito? Il cliente, un cliente vitale per quella società, ha minacciato concretamente di porre fine al contratto esigendo la sostituzione dell’Amministratore delegato, che è stato effettivamente congedato poco tempo dopo.

Avendo svolto compiti commerciali per una parte rilevante della mia carriera, ho sempre avuto chiara la percezione che il cliente è chi realmente “paga” il mio stipendio, condizionando la mia carriera, assicurandomi la possibilità di avere buone referenze e l’introduzione presso altri clienti. Un atteggiamento come quello che ho riportato ha comportato un grave rischio per l’impresa ed il suo amministratore delegato è stato giustamente sostituito.

Non a caso Moovs scrive sul suo sito web: "Il cliente che chiama un venerdì pomeriggio alle 17:30, non è quello che disturba una settimana tranquilla, ma colui che paga l'alcol." La sfida è quella di far sentire istintivamente ad ogni dipendente questa esperienza. Ciao CLIENTE, cosa posso fare per te?!

Moovs mette a disposizione un vasto arsenale di interventi di apprendimento di alto livello, per fornire alla relazione con il cliente più contenuti, crescita e resilienza. La gamma varia dalle esperienze per l'ospitalità e la customer satisfaction alle vendite ed alla gestione degli account di vendita.

Un linguaggio di Servizio Comune

Un linguaggio di servizio comune è essenziale per costruire un'organizzazione di servizio eccellente. Moovs sviluppa un linguaggio di servizio comune attraverso una sessione di modellazione con un team di progetto, composto da vari livelli dell'organizzazione. In questo modo il linguaggio di servizio sarà comprensibile a tutti i membri dell'organizzazione.

È il cliente a determinare quali comportamenti e valori sono importanti per fornire un servizio eccellente. Il punto di partenza è fare la differenza e rendere visibile il proprio posizionamento distintivo come organizzazione attraverso un comportamento concreto. Per questo Moovs utilizza l'approccio dell'ospitalità che è consuetudine nel settore della ristorazione ed un modello di vendita in 6 fasi, elaborato internamente, composto da: atteggiamento, attenzione, azione, analisi, vendite attive e conclusione.

Al di là del metodo elaborato da Moovs, questa è una delle aree a maggiore affinità con le competenze presenti in GoodGoing! e, pertanto, meritevole di essere affrontata assieme. Ritorneremo pertanto ancora su questo argomento.

Informazioni sull'autore
Stefano Carlo Longo
stefano.carlo.longo@goodgoing.it
Stefano Carlo Longo ha una lunga carriera di “innovatore” nel mondo dell’ICT, maturata in funzioni direttive nell’ambito commerciale, del marketing e della consulenza presso alcune tra le più importanti società internazionali, tra cui EY, Atos e Adobe. Co-fondatore di una società di eCommerce dedicata ai vini di alta gamma e investitore in una start up in ambito Mobile Engagement in rapido sviluppo (MobileBridge), ne promuove la presenza presso clienti e partner.

comments powered by Disqus

Ricerca

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Ah! la sintesi nel cv o nella presentazione di sè. Dipende anche dalla lingua usata...

“Italian is about 30% longer than English". Oltre a essere più breve, l’inglese è oggettivamente più sintetico.


“Il futuro del lavoro è femmina” di Silvia Zanella

Un libro che sviscera l'apporto femminile nel mondo del lavoro. Ma quanto valore ci stiamo perdendo non includendo le donne!


5 fasi per un processo di onboarding efficace – Verso il primo anniversario

Perché l’onboarding non termina con il primo giorno di lavoro


Language is Equality

Why activists say the Oxford Dictionary of English results for 'woman' are sexist


5 fasi per un processo di Onboarding efficace - Il periodo di prova (anche ai tempi dello smart working)

Parliamo ancora di onboarding, per una fase importante. Vi diciamo perché.

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto