Il CV è il mio “biglietto da visita” nel colloquio di lavoro

Il CV per il Colloquio di Lavoro

Quando vado a fare un colloquio di lavoro mi serve un biglietto da visita? NO!

Come privato cittadino – sia che sia occupato, sia che sia disoccupato – se vengo invitato a un colloquio di lavoro non devo usare un biglietto da visita. I miei riferimenti sono ormai noti (tramite il cv o riferimenti forniti da altri o ottenuti in altri modi dalla controparte).

Se sono occupato non devo assolutamente usare il biglietto da visita dell’azienda per cui sto lavorando: sono presente al colloquio a titolo personale, non sto rappresentando la società mia attuale datrice di lavoro.

E’ un caso, questo, assimilabile all’uso della mail di lavoro per la ricerca di opportunità lavorative o comunque per attività personali: non è opportuno nè consigliabile, forse è anche perseguibile, usare il nome di una società, mentre mi sto presentando a titolo personale. Sto presentando e vendendo me stesso, le aziende e l’azienda in particolare per cui sto lavorando è un dettaglio…

Nel caso in cui l’intervistatore, durante il colloquio, mi chieda il biglietto da visita, ad esempio per motivi di controllo o per semplice curiosità, lo fornirò, ma quando una persona che chiamo a un colloquio mi presenta il suo biglietto da visita, la trovo una nota stonata, proprio all’inizio del rapporto poi!!!

Diverso è il caso in cui la persona operi come libero professionista, free-lance, imprenditore. Se ha una sua società userà il biglietto da visita predisposto per la sua società. Negli altri casi un biglietto da visita è utile e professionale.

In una fase di transizione - esco da un’azienda, mi sto attivando come consulente, ma non ho ancora definito la mia offerta, sto facendo i primi passi, etc. - un biglietto da visita semplice, ma professionale è quello che ci vuole. Se sono un consulente che invece opera in determinati contesti posso specificarlo brevemente nel fronte del biglietto o meglio dietro.

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Cristina Gianotti si occupa da oltre quindici anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati a investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Viene da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ha pubblicato il suo primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook. Nel 2018 il suo secondo sul networking: "Connecting Dots: il networking, questo sconosciuto".

comments powered by Disqus

Ricerca

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Come fare una prima buona impressione e "vivere" di questa!

Quanto è importante fare una buona impressione è noto. Ma come si fa? Vediamo insieme alcuni "trucchi" del mestiere.


Third Kiss: come comunichi in particolare in inglese o in un'altra lingua straniera?

Con la scusa dell'inglese vediamo come comunicare al meglio in ambito professionale: in caso di selezioni, presentazioni, negoziazioni, ecc.


Online learning: cosa ci distingue?

E-Learning classico, social learning, gamification e Academy


Che ruolo può svolgere un Communication Coach for English nel processo di selezione e assunzione di un candidato

In molti si chiedono che ruolo può svolgere un Communication Coach for English nel processo di selezione e assunzione. Vediamo un caso concreto.


La vostra organizzazione dispone già di una “Corporate Academy”?

I vantaggi di appoggiarsi ad una società di grande esperienza come Moovs con GoodGoing!

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto