La formazione secondo GoodGoing!

Digital Learning

Dire che la formazione è essenziale per il buon funzionamento di qualsiasi organizzazione è cosa banale, quindi non ci metteremo a discettare sul suo valore. Semmai ci preme osservare come stia cambiando l’apprendimento in conseguenza della trasformazione digitale che sta avendo un impatto dirompente in tutti i settori economici e produttivi.
Le tecnologie digitali la fanno ormai “da padrone” in settori come l’automotive, con l’avvento dei sistemi di guida autonoma, o nella domotica, dove le case che abiteremo saranno sempre connesse e governate da sistemi che le renderanno più efficienti e confortevoli. Non possiamo trascurare l’impatto delle tecnologie digitali in ambito finanziario o in quello dei pagamenti, ma potremmo continuare a lungo con gli esempi perché nessun settore è indenne da una rivoluzione destinata a continuare a lungo.

Al di là delle conseguenze della trasformazione digitale in tutti i settori dell’economia, è evidente a tutti come a essere cambiati siano soprattutto i costumi della società in conseguenza della diffusione degli smartphone e dei social, due invenzioni strettamente correlate che hanno modificato profondamente i nostri comportamenti imponendo, nelle imprese, la creazione di nuove figure professionali per presidiare la molteplicità dei canali di comunicazione cresciuti rapidamente nel corso di questi ultimi anni.

Questi cambiamenti profondi hanno determinato conseguenze irreversibili e nuove opportunità per il mondo della formazione: tra le conseguenze potremmo citare la rapida obsolescenza dei contenuti e il cambiamento delle modalità di somministrazione dei corsi, oltre alla necessità di prevedere una formazione generalizzata sui cambiamenti indotti dalla “digital transformation”.

Tra le opportunità segnaliamo:

la possibilità di coprire un’audience distribuita in diversi paesi in tempi ridotti e con un controllo centralizzato, a costi non comparabili con quelli del passato (LMS – Learning Management Systems);

la possibilità di “frazionare” i corsi in particelle rapidamente assimilabili e usufruibili in ogni luogo, in ogni momento e con ogni dispositivo (microlearning);

la varietà degli strumenti impiegati (non solo testi, o programmi informatici, ma soprattutto file multimediali, con i video in grande evidenza, l’impiego della “gamification”, nonché della realtà virtuale e dell’intelligenza artificiale).

Fatte queste premesse, la formazione in tanti, troppi casi (soprattutto nelle piccole e medie imprese) è vissuta più come costo che come opportunità di miglioramento o è portata avanti con criteri e strumenti non adeguati ai tempi.

Ma anche nelle imprese più grandi e strutturate, laddove gli investimenti sono rilevanti e l’attenzione elevata, la formazione non è esente da problemi, quali ad esempio la necessità di tenere traccia di un gran numero di strumenti diversi, che necessitano di essere mantenuti e integrati, o quella di motivare e coinvolgere i collaboratori, il problema del tempo disponibile, sempre più ridotto, o ancora quello di mantenere aggiornate le conoscenze che si vogliono trasmettere. Infine, ma questo vale per tutti, i costi legati al turnover del personale e quelli dei tempi per rendere un nuovo impiegato pienamente produttivo.

Se queste sono le condizioni, allora si intuiscono esigenze che debbono fare i conti con realtà capaci di fornire soluzioni complete, suggerendo non già una tecnologia, ma un approccio consistente al problema a partire dalla definizione degli obiettivi, suggerendo un percorso che preveda la progettazione di soluzioni atte a supportare l’azienda in un’ottica di lungo periodo, disegnando percorsi formativi ad hoc, realizzando contenuti interattivi di alto livello per ottenere una “employee experience” di piena soddisfazione, e modalità di somministrazione in linea con le possibilità attuali.

Uno scenario così articolato è alla portata di GoodGoing! grazie all’accordo di collaborazione stipulato con Moovs, da 30 anni nel campo della formazione e attualmente tra i più grandi operatori in Olanda, con un’impronta internazionale grazie alle società controllate e ai progetti svolti in ambito internazionale.

Di questo accordo e delle sue implicazioni torneremo a parlare presto e più diffusamente con una serie di articoli, ma volevamo anzitutto darvi il senso del nostro impegno e del cambiamento in atto.

Informazioni sull'autore
Stefano Longo
stefano.carlo.longo@goodgoing.it
Stefano Longo ha una lunga carriera di “innovatore” nel mondo dell’ICT, maturata in funzioni direttive nell’ambito commerciale, del marketing e della consulenza presso alcune tra le più importanti società internazionali, tra cui EY, Atos e Adobe. Co-fondatore di una società di eCommerce dedicata ai vini di alta gamma e investitore in una start up in ambito Mobile Engagement in rapido sviluppo (MobileBridge), ne promuove la presenza presso clienti e partner.

comments powered by Disqus

Ricerca

Argomenti

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

E’ facile cambiare lavoro se sai come fare

Il mio primo libro “E’ facile cambiare lavoro se sai come fare” parla di vari tipi di lavoro: in Italia e all’estero, da dipendente a imprenditore.


State già pensando a come operare alla fine di questa emergenza?

Guidare le organizzazioni in un mare tempestoso verso nuovi confini


Una sola carriera lavorativa? No, almeno due! – III parte

Oggigiorno la vita è troppo lunga per fare sempre lo stesso lavoro: la seconda vita professionale è possibile solo grazie al network.


Centinaia di eventi pubblici e privati saltati o posticipati a causa del Corona Virus: qual è l'alternativa?

Virtual Event - per gestire eventi virtuali su larga scala con una piattaforma avanzata


Nelle scuole superiori si fa Cogestione. Cos’è e che contributo abbiamo dato?

Che la scuola stia cambiando per certi aspetti anche in meglio? Per esempio con una nuova attenzione al mondo del lavoro.

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto