Colloquio di lavoro e abbigliamento giusto: quanto conta?

Abbigliamento giusto per il colloquio di lavoro

“L’abito fa il monaco” si dice!

Si può essere d’accordo o meno con le massime e possono piacere o meno. Vero è che il colloquio di selezione per un lavoro in azienda ha le sue regole e una è relativa all’abito. 

Intendo l’abito in vari sensi.

L'abito in senso stretto

In senso stretto l’abito è quello che ci si mette per coprirsi: il vestito, la giacca, la gonna, gli accessori, i colori, la cravatta, i tacchi, i gioielli, il trucco, ecc..

Nella nostra cultura ci sono delle regole non dette, io mi riferisco a quelle in uso in Italia. Cambiassimo paese dovremmo informarci e adeguarci.

Anche rimanendo in Italia, vanno fatti dei distinguo: un conto è essere a Roma e un conto a Milano, un conto è appartenere a un settore come la moda, un conto è appartenere al Finance, un conto è cercare un lavoro come magazziniere e un conto come funzionario in banca!

Nonostante il paese stia evolvendo e venga in alcuni campi influenzato per esempio dalla cultura americana, da noi quando si va ad un colloquio è bene vestirsi al meglio rispetto al proprio ambiente di lavoro.

Cosa intendo?

Intendo che non sempre vestirsi in maniera appropriata significa vestirsi come per un matrimonio o una serata, anzi! Meglio è avere in mente come ci si veste nel proprio ambiente pensando alle occasioni principali: un brindisi di Natale, una promozione, una conferenza con il capo estero…. Se quindi normalmente mi vesto casual, magari per un colloquio mi vesto con giacca e cravatta, ma con uno spezzato. Se opero nel mondo della Finanza o nella Consulenza di Direzione mi vesto sempre con il vestito scuro, magari a righe, camicia bianca, cravatta di Hermes o a pallini o regimental, aggiungo anche i gemelli, se opero in ambiente anglosassone. Se opero nell’industria metalmeccanica probabilmente – a meno che non sia un DG (Direttore Generale) o un CFO (Chief Financial Officer)  – mi vestirò con uno spezzato.

Se sono una donna? Alle donne – dalla Marina Bellisario in poi – è concesso pian piano di più: sempre meglio presentarsi in modo professionale, onde evitare di dare dei messaggi che possono essere fraintesi e che non sempre o non per tutti sono coerenti con la professione.

Vent’anni fa il tailleur in certi ambienti era un “must”. Ora c’è più libertà. Le donne usano facilmente i pantaloni e le maglie. Io consiglio comunque un aspetto sobrio, anche nel trucco e negli accessori.

In genere i tatuaggi e troppo braccialetti soprattutto negli uomini o i piercing in azienda non sono “di moda”.

L'abito in senso meno stretto

Ciò detto, c’è un abito anche in senso meno stretto: ci sono i modi, come saluto, come mi pongo nei confronti delle persone che incontro in reception, in colloquio, in attesa, ecc., per fissare l’appuntamento, durante l’incontro, dopo l’incontro.

Che dire?

Educazione, anche se di questi tempi a volte penso che anche cosa vuol dire educazione e rispetto per tutti e per il lavoro di tutti andrebbe spiegato!  Meglio un “per favore” e un “grazie” in più che in meno, anche con il portiere – fatemelo dire! Ovviamente dovrebbe essere autentico. Il “gentilissimo” che ormai si sente spesso è orrendo!

L'abito in senso lato

C’è anche un abito in senso lato: l’abito cioè l’atteggiamento che metto in questo evento. Il colloquio, la sua convocazione, l’incontro e il follow-up sono eventi di business e in ottica di business vanno trattati e vissuti, non solo nell’apparenza, ma anche nella sostanza. Parlerò quindi come parlerei in azienda con il mio capo o un mio collega, avrò una focalizzazione e un’energia – anche per un colloquio conoscitivo – tesa a mostrare quanto ho da offrire e con l’umiltà di capire se ciò che offro risponde a quanto cercato, magari insieme con l’interlocutore. Quindi non arroganza o superiorità, ma neanche dimissione, sciatteria, falsa modestia. 

Ciascuno pensi a una o più situazioni di lavoro di un cento impegno in cui si è piaciuto (ed è piaciuto) e pensi a quella situazione, la riviva brevemente prima di “scendere” in campo nel colloquio.

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Mi occupo da oltre dieci anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati ad investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Vengo da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ho pubblicato il mio primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook. Nel 2018 il mio secondo sul networking: "Connecting Dots: il networking, questo sconosciuto".

comments powered by Disqus

Ricerca

Argomenti

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Christine Lagarde ha partecipato a ELLE Active! Paris, e noi?

Anche la nostra Cristina Gianotti ha partecipato a ELLE Active! Milano lo scorso novembre, la manifestazione di ELLE a favore delle donne!


Too much

Che sia il momento di dire basta?


Giovani! non andate via dall'Italia. Cercate un lavoro prima in Italia

E' possibile cercare un'opportunità professionale in Italia, non si deve subito cedere ed emigrare. Si può fare con un supporto professionale!


Chi è Stefano Carlo Longo, cofondatore di GoodGoing! e cosa può fare per te?

Un professionista di lunga esperienza nel settore consulenza direzionale e nell'IT nel Business Development, nelle Vendite e nel Marketing


Chi è l'ideatrice e la fondatrice di GoodGoing! e cosa può fare per te?

Una breve presentazione di Cristina Gianotti e della sua mission rivolta ai lavoratori italiani

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto