LinkedIn: lo conosci davvero?

Linkedin 1

La prima fase

LinkedIn esiste dal 2002 e dal 2002 io sono presente con il mio profilo personale professionale in inglese.

Ho sempre cercato di migliorami e quando è nato LinkedIn ho pesato che sarebbe stato utile rimanere in contatto con tanti con cui avevo studiato o lavorato in Italia e nel mondo. Del resto pochi anni prima avevo dato vita alla mia prima esperienza imprenditoriale e avevo capito quanto serve conoscere delle persone per presentarsi e ricercare opportunità di business, aldilà della bontà dell’offerta e della professionalità/innovatività mia e della mia socia.

Quindi il primo LinkedIn era focalizzato sul costruire relazioni per il business.

Si rivolgeva a persone in azienda che cercavano professionisti o consulenti o nuovi collaboratori, a venditori che volevano prendere contatto con la persona giusta in azienda, a ex colleghi che volevano rimanere in contatto per scambiarsi idee, opportunità, etc.

La seconda fase

Sono poi venuti gli anni di crisi generalizzata (ricordate il 2008 o il 2012) e LinkedIn ha puntato sul lavoro. Se cercavi lavoro o volevi essere preso in considerazione per nuove opportunità professionali dovevi essere su LinkedIn. Ecco quindi anni in cui anche gente ben lontana dal web, dai social, da un uso minimo dell’informatica si è avvicinata alla piattaforma, a volte forzata dalle persone che avevano a fianco e che le supportavano nella ricerca di un nuovo lavoro, avendo perso il precedente.

Tali persone sono su LinkedIn ancora oggi, loro malgrado. Non rispondono ai messaggi, non aggiornano il profilo, non leggono i post… Non lo considerano uno strumento adatto al business ma confinato a chi cerca lavoro.

La chiave della presenza sui social

La chiave della presenza sui social professionali – purtroppo conosco solo LIn come social professionale – è la continuità e l’adattabilità.

Continuità significa che la reputazione è un investimento a medio-lungo termine. Se calcoli il tuo Social Selling Index (SSI) nelle settimane in cui posti e rispondi ai messaggi e ti connetti magari hai anche un buon punteggio. Peccato che questo vari nel tempo. Dopo solo un mese ritorni nel buio se smetti di interagire.

A cosa è servito l’entusiasmo inziale? A nulla, anzi potrebbe anche aver dato un segnale negativo: sono su LinkedIn perchè non sto lavorando e non so dove sbattere la testa. A volte capita quindi di leggere richieste di aiuto imbarazzanti, polemiche su come gira il mondo, autocelebrazioni per un attestato da "scuola Radio Elettra" (come si diceva una volta).

Il mio consiglio è essere dei diesel su Linkedin: poco alla volta ma continuativamente. Così si costruisce una reputazione che dura e soprattutto una reputazione professionale.

Adattabilità vuol dire seguire i progressi di LinkedIn: ricordate i gruppi? sono scomparsi, poi sembrava tornassero. I post una volta non c’erano… Ora c’è anche LinkedIn Training. Insomma LinkedIn - anche grazie all’acquisizione di Microsoft, oltre al pezzo di strada che ha fatto da solo - è in continua evoluzione. Per il business, per il lavoro, per le aziende. Ci sono infatti strumenti aggiuntivi per aiutare le aziende a selezionare candidati, strumenti per i commerciali, strumenti per chi cerca lavoro.

La terza fase

La terza fase è un ritorno al passato: LinkedIn è una piattaforma che serve alle aziende per cercate talenti, ai venditori cercare opportunità di sviluppo del business attraverso la relazione con le persone giuste, la ricerca di opportunità professionali sia come dipendente sai come lavoratore autonomo o imprenditore.

La cultura di LinkedIn

La cultura sullo strumento non è ancora molto diffusa però: c’è gente che si occupa o dice di occuparsi di networking professionale che crede che Linkedin siano i post… Non cito il nome, ma mi è capitato di recente di incontrare una persona che mi ha detto questo mentre sta sviluppando uno strumento per il networking, senza sapere bene cosa fa LinkedIn!, spendendo soldi e supportato da un incubatore di prestigio...

Che dire? Se avete bisogno di sapere come si usa Linkedin aldilà delle piccole technicalities (che sono imprescindibili) rivolgetevi a noi, a me in particolare: cristina.gianotti@goodgoing.it.

Vi svelo il mio SSI: 81/100, 1% del mio mercato e 1% del mio network. Provate a chiedere l’SSI a chi vi dovrebbe aiutare a migliorare il vostro profilo e il vostro posizionamento su LinkedIn.

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Cristina Gianotti si occupa da oltre quindici anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati a investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Viene da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ha pubblicato il suo primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook. Nel 2018 il suo secondo sul networking: "Connecting Dots: il networking, questo sconosciuto".

comments powered by Disqus

Ricerca

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

La programmazione non è più un lavoro artigianale

Sviluppare applicazioni con piattaforme low-code / no-code significa limitare la necessità di scrivere codice. L’impatto sul mondo del lavoro


È tempo di mettersi in viaggio!

Ovvero: quando è il momento di cercare un nuovo lavoro


Può ripartire la carriera dopo i cinquant’anni?

L’esperienza ha un valore. Mettila a frutto.


Accelerare la carriera a 30 anni. Ritrovare un lavoro dopo i 50. Come?

Due casi reali e le “ricette” di GoodGoing!


Quali speranze in un futuro migliore ci sono per i nostri giovani?

La pandemia ha accentuato la disillusione e la demotivazione delle nuove generazioni

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto