LinkedIn: lo conosci davvero?

Linkedin 1

La prima fase

LinkedIn esiste dal 2002 e dal 2002 sono presente con il mio profilo in inglese. Ho sempre cercato di migliorami e quando è nato LinkedIn ho pesato che sarebbe stato utile rimanere in contatto con tanti con cui avevo studiato o lavorato in Italia e nel mondo. Del resto pochi anni prima avevo dato vita alla mi prima esperienza imprenditoriale e avevo capito quanto serve conoscere delle persone per presentarsi aldilà della bontà dell’offerta e della professionalità/innovatività mia e della mia socia.

Quindi il I primo LinkedIn era focalizzato sul costruire relazioni per il business.

Si rivolgeva a persona in azienda che cercavano professionisti o consulenti o nuovi collaboratori, venditori che volevano prendere contatto con la persona giusta in azienda, ex colleghi che volevano rimanere in contatto per scambiarsi idee, opportunità, etc.

La seconda fase

Sono poi venuti gli anni di crisi generalizzata, 2008, 2012) e LinkedIn ha puntato sul lavoro. Se cercavi lavoro o volevi essere preso in considerazione per nuove opportunità professionali dovevi essere su LinkedIn. Ecco quini anni in cui anche gente ben lontana dal web. Dai social, da un uso minimo dell’informatica si è avvicinata alla piattaforma, a volte forzata dalle persone che avevano a fianco e che le supportavano nella ricerca di un nuovo lavoro, avendo perso il precedente.

Tali persone sono su LinkedIn ancora oggi, loro malgrado. Non rispondono ai messaggi, non aggiornano il profilo, non leggono i post… Non lo considerano uno strumento.

Una volta a scuola mi hanno insegnato a leggere il quotidiano, oggi si dovrebbe insegnare a usare LinkedIn.

La chiave della presenza sui social

La chiave della presenza sui social professionali – purtroppo conosco solo LIn – è la continuità e l’adattabilità.

Continuità significa che la reputazione è un investimento e medio lungo termini. Se calcoli il tuo social selling index nelle settimane in cui posti e rispondi ai messaggi e ti connetti magari hai anche un buon punteggio. Peccato che questo vari nel tempo. Dopo solo un mese ritoni nel buio. A cosa è servito l’entusiasmo inziale? A nulla, anzi potrebbe anche aver dato un segnale negativo: sono su LinkedIn perchè non sto lavorando e non so dove sbattere la testa. SI vedono quindi richieste di aiuto imbarazzanti, polemiche su come gira il mondo, autocelebrazioni per un attestato scuola Radio Elettra (come si diceva una volta).

Quindi il mio consiglio è essere dei diesel su Linkedin, poco alla volta ma continuativamente. Così si costruisce una reputazione che dura.

Adattabilità vuol dire seguire i progressi di LinkedIn: ricordate i gruppi? sono scomparsi, poi sembrava tornassero. I post una volta non c’erano… Ora c’è anche LinkedIn Training. Insomma LinkedIn anche grazie all’acquisizione di Microsoft oltre al pezzo di strada che ah fatto da solo è in continua evoluzione. Per il business, per il lavoro, per le aziende. Ci sono infatti strumenti aggiuntivi per aiutare le aziende a selezionare candidati, strumenti per i commerciali, strumenti per chi cerca lavoro.

La terza fase

La terza fase è un ritorno al passato: LinkedIn è una piattaforma che serve alle aziende per cercate talenti, ai venditori cercare opportunità di sviluppo del business attraverso la relazione con le persone giuste, la ricerca di opportunità professionali sia come dipendente sai come lavoratore autonomo o imprenditore.

La cultura di LinkedIn

La cultura sullo strumento non è ancora molto diffusa però: c’è gente che si occupa o dice di occuparsi di networking professionale che crede che Linkedin siano i post… (non cito il nome, ma mi è capitato di recente di incontrare una persona che mi ha detto questo mentre sta sviluppando uno strumento per il networking, senza sapere bene cosa fa LinkedIn!, spendendo soldi e supportato da un incubatore di prestigio!).

Che dire? Se avete bisogno di sapere come si usa Linkedin aldilà delle piccole technicalities (che anch’esse servono alla base) rivolgetevi a noi, a me in particolare: cristina.gianotti@goodgoing.it. Vi svelo il mio SSI (Social Selling Index): 81/100, 1% del mio mercato e del mio network. Provate a chiedere l’SSI di chi vi dovrebbe aiutare a migliorare il vostro profilo e il vostro posizionamento su LI.

Che dire? Se avete bisogno di sapere come si usa Linkedin aldilà delle piccole technicalities (che anch’esse servono alla base) rivolgetevi a noi, a me in particolare: cristina.gianotti@goodgoing.it.

Vi svelo il mio SSI (Social Selling Index): 81/100, 1% del mio mercato e del mio network. Provate a chiedere l’SSI di chi vi dovrebbe aiutare a migliorare il vostro profilo e il vostro posizionamento su LinkedIn.

About the author
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
For more than fifteen years Cristina Gianotti has been working in Coaching - Career, Executive and Business Coaching – supporting managers, professionals and entrepreneurs that are interested in investing in themselves and their own professional development. She comes from a management consulting, management and entrepreneurial background. In 2016 she published her fisrt book "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" (It is easy to change job if knowing how) with bookabook. In 2018 the second one "Connecting Dots: il networking questo sconosciuto" (Connetting dots: the unknow professional networking").

comments powered by Disqus

Search

Recommended

I want to move forward in my profession

I'm a qualified and professionally dedicated person but I'd like a Career Transition. How can I improve to remain up to date & appealing for the mkt?


I am looking for guidance

Even the labour market is governed by the laws of supply and demand. To present yourself you should start from yourself. It's time for Career Coaching


I want to explore the market

At a certain point people want to change position, company or market to progress and earn more money…A Counsellor could give the necessary guidance.


Could I work as a consultant?

Throughout the world and in Italy in particular, the role of Consultants has evolved in recent decades…do you really have what it takes?


Do I have what it takes to be an entrepreneur?

To be an Entrepreneur or to work as an entrepreneur? In a labour market where there appears to be a lack of jobs... creating work is an option!

Recent Posts

Accelerare la carriera a 30 anni. Ritrovare un lavoro dopo i 50. Come?

Due casi reali e le “ricette” di GoodGoing!


Quali speranze in un futuro migliore ci sono per i nostri giovani?

La pandemia ha accentuato la disillusione e la demotivazione delle nuove generazioni


Il tuo profilo LinkedIn per cercare lavoro in 4 passi

Sia che tu ci sia già o non ci sai o voglia verificare cos'è meglio afre su LinkedIn per cercare lavoro segui questi 4 passi.


LinkedIn: lo conosci davvero?

LinkedIn è un'ecosistema in evoluzione, ma quanto lo sanno e lo sanno usare per i propri obiettivi?


GoodGoing! e la Corporate Social Responsabiliity (CSR)

Ormai le migliori organizzazioni si occupano dell'impatto sociale di quanto fanno. Noi questo lo interpretiamo facendo in primis qualcosa di "buono".

This site uses cookies for a better browsing experience. If you want to know more or want to change the settings of your browser, please visit our Privacy Policy
I agree