Quanto conta la Personalità nel trovare lavoro

Personality

Il fattore intangibile…

Eppure l'istinto o la "pancia" non tradiscono!

Ne ho avuto la riprova anche oggi. Una persona che non mi ha mai convinto mi ha dato prova del perché. Lo sentivo, ma non ne avevo le prove, ora ho le prove!

Anche a voi sarà capitato, più di una volta e sia in ambito personale sia in ambito
professionale di avere una delusione da parte di una persona in cui avevate riposto la vostra fiducia, ma verso sui nutrivate nel profondo dei dubbi, che non riuscivate però a provare .

Io a volte me ne accorgo subito, poi mi dico che non devo giudicare – visto che tendo ad essere "giudicante".

I recruiter e la valutazione della personalità

Tanti recruiter evidentemente fanno lo stesso mio ragionamento nel processo di selezione. Va bene valutare le competenze, ma quello che conta è la personalità.

Se il candidato ce l’hai nello staff puoi fartelo ancora andare bene o ricorrere a strumenti di sviluppo / cambiamento.

Ma se devi assumerlo dal mercato… Che responsabilità!!!

Ho trovato alcuni spunti interessanti in un articolo pubblicato di recente su Glassdoor for Employers, a blog che leggo con attenzione, dal titolo “Why recruiting for personality matters”.

Intendiamoci però su cosa vuol dire che la personalità conta!

Troppo facile dire che il recruiter deve conoscermi per valutarmi anche se ho un cv non in linea con i requisiti indicati. Non funziona così.

I tratti personali contano all’interno del range di persone che rispondono ai requisiti "obbligatori" richiesti dall’azienda: se chiedo una laurea e l’esperienza in un settore, queste ci devono essere, anche se ritengo di soddisfare tutti i requisiti "soft".

Funziona così. Si può discutere, ma ad oggi funziona così e “make sense” come direbbero gli anglosassoni!

Detto ciò, est modus in rebus come dicevano i Latini e non tutti si comportano allo stesso modo. Perché l’organizzazione funzioni le persone devono agire in armonia, e quest’armonia dipende dai tratti personali. Come fare a scoprirli? In realtà molti e tuttora si fidano del loro fiuto, come ho detto io all’inizio.
Può andare bene se sei l’imprenditore e devi scegliere un partner. Può? Non ne sono neanche troppo convinta.

Se sei un recruiter professionista invece...

Un esempio di analisi della personalità: TTI Success Insights

Quello che si suggerisce è di farsi supportare da dei “test”. Li chiamo test volgarmente. Sono in realtà analisi della personalità come quello scelto e proposto da GoodGoing! – TTI Success Insights – che in base a un’autovalutazione forniscono una serie di elementi che discussi con l’interessato possono svelarne i tratti di personalità.

Troppo facile cadere in errore basandosi su di sé, sulla propria esperienza, su altri casi specie se stiamo selezionando per un’organizzazione grande e complessa.

I test oggigiorno, se accuratamente scelti e utilizzati hanno una loro validità. Ve lo dice un ingegnere che per formazione è sempre stata un po’ diffidente nei confronti delle discipline umanistiche come la psicologia.

Mi sono ricreduta quando ho letto un libro – “Change” di Paul Watzlawick - che nei primi due capitoli dimostra come anche la psicologia abbia le sue metodologie scientifiche.

Del resto, per chi conosce la matematica - la base di tutte le scienze - essa stessa si basa su assunti.

Come affrontare la somministrazione di un test di personalità

Dal punto di vista della persona che viene sottoposta all'analisi di personalità cosa suggerire?

Non ci sono preparazioni o simulazioni in questo caso da fare.

Vale solo la pena essere tranquilli e trasparenti, senza cercare di “barare”.

I test ben fatti sono a prova di bugie e di manipolazioni!

In questo senso affrontare un percorso di selezione appena dopo le vacanze può farci risultare al nostro meglio nei test!

E poi se non andiamo bene e ce lo dicono, in fondo fanno un favore anche a noi. Rimettersi in gioco sul mercato del lavoro dopo pochi mesi, perché non ci si è integrati nella cultura aziendale per via dei nostri tratti di personalità non è
facile, né consigliabile.

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Mi occupo da oltre dieci anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati ad investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Vengo da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ho pubblicato il mio primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook. Nel 2018 il mio secondo sul networking: "Connecting Dots: il networking, questo sconosciuto".

comments powered by Disqus

Ricerca

Argomenti

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

"Buonanotte signor Lenin" di Tiziano Terzani

Alcuni libri diventano dei classici e accompagnano la storia, oltre che il tuo viaggio.


"Padre ricco, padre povero" di Robert T. Kiyosaki

Un libro per imparare, anche in vacanza o nel tempo libero


"Cigni selvatici" di Jung Chang

Un libro per comprendere il paese in cui viaggi: uno strumento piacevole ed efficace!


"Sergio Marchionne" di Tommaso Ebhardt

Un libro da portare in viaggio: per divertirsi, per imparare, per confrontarsi, per aprire la mente.


"Un indovino mi disse" di Tiziano Terzani

Prova ad adottare un libro come compagno di viaggio. La lettura valorizza e amplifica l'esperienza che stai vivendo.

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto