Trovare il lavoro dei sogni è impossibile?

Impossibile

Sono iscritta all’Ordine degli Ingegneri di Torino, in quanto, pur avendo studiato a Milano, ho poi cambiato la residenza e quindi ho dovuto cambiare l’Ordine di appartenenza.

Ho un amico a Torino, anche lui ingegnere, che mi ha sempre parlato benissimo della Festa di Natale organizzata dall’Ordine in concomitanza con la premiazione per gli anni di laurea "consistenti" (dai 40 anni in su!).

La Festa di Natale dell'Ordine degli Ingegneri di Torino

Quest’anno ho voluto partecipare anch’io!

E sono rimasta favorevolmente stupita.

A parte l’evento in sé, l’organizzazione perfetta, il luogo prestigioso, la partecipazione numerosissima, ho apprezzato che si potesse pensare a una festa per fare della formazione.

L’Ordine infatti, ha organizzato la Festa al Teatro Alfieri invitando Walter Rolfo che è un formatore e soprattutto un ingegnere mago. Lo spettacolo offerto quindi era uno degli spettacoli organizzati da Rolfo dal titolo “L’arte di realizzare l’impossibile”.

A parte la bellezza dello spettacolo e la capacità di coinvolgere di Walter Rolfo, quello che ho colto come messaggio è stato che:

  • L’ingegnere realizza l’impossibile e
  • L’uomo può fare l’impossibile.

Lo spettacolo è stata un’alternanza di discorsi ispiranti e di giochi di magia veramente incredibili. Davvero ho avuto l’impressione che si potesse pensare che anche gli ingegneri fanno delle cose incredibili e che tutto sia frutto di volontà, studio e determinazione. Nell’ingegneria, nella magia, nella vita…

Insomma, anziché seguire un’omelia ho seguito, e in parte partecipato, ad uno spettacolo. Questa considerazione mi ha lasciato un po' di amaro in bocca da cattolica. Possibile che le belle storie, le belle parole, le sollecitazioni a fare del bene, ad essere se stessi, ad impegnarsi per vivere la vita appieno debbano venire da un palco laico e non più da uno religioso? Ben vengano non dico di no. Ma il senso religioso amplifica i messaggi in modo “incredibile” e mi piacerebbe che il senso religioso fosse maggiormente diffuso…

Dal punto di vista professionale, ho apprezzato l’evento in quanto il messaggio che ogni persona ha un potenziale da scoprire e può fare grandi cose è perfettamente in linea con quanto credo come coach.

Possiamo allenare, consigliare, raccomandare, facilitare o fare da mentori, ma l’efficacia di ciò che facciamo dipende in larga misura dalle nostre convinzioni riguardo il potenziale umano.

– John Withmore
Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Cristina Gianotti si occupa da oltre quindici anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati a investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Viene da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ha pubblicato il suo primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook. Nel 2018 il suo secondo sul networking: "Connecting Dots: il networking, questo sconosciuto".

comments powered by Disqus

Ricerca

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Perchè Smart Working non è lavorare da casa

Ritorno sull'argomento Smart Working con un articolo scritto nella prima fase della pandemia


Perché, oggi, il lavoro precario è così diffuso e persistente? di Sergio Vicàri

Le riflessioni di Sergio Vicàri su un tema di stretta attualità


Una nuova firma sul nostro blog – Sergio Vicàri

Si allarga il fronte dei contributi e si arricchisce la discussione sullo Smart Working


No-code: il nuovo mantra per sviluppare software rapidamente

Domanda elevata (di nuovo software) ed offerta limitata (di programmatori) impongono l’adozione di strumenti atti a ridurre tempi e costi di sviluppo.


Dovete ripensare il vostro Company Profile?

Noi lo abbiamo realizzato così

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto