Dovete ripensare il vostro Company Profile?

Brainstorming

Confezionare un documento che vi presenti e qualifichi agli occhi di terzi richiede uno sforzo non indifferente: che si tratti di un’attività individuale, un’organizzazione di piccole o medie dimensioni (come la nostra), o un’impresa quotata in borsa, nessuno ne può fare a meno, nemmeno quando avete raggiunto una notorietà che porta i media a parlare di voi.

Dunque, capirete perché, a sei anni dalla sua costituzione, e con un cambiamento impresso alla fine del 2019 per ampliare gli orizzonti della nostra presenza sul mercato, fosse venuto il momento per GoodGoing! di mettere mano al suo profilo.

Ne scrivo perché il processo seguito per completare il nostro nuovo Company Profile, da poco disponibile, è applicato anche quando lavoriamo per i nostri clienti, utilizzando una metodologia consolidata che è alla base del nostro approccio.

Serviva un nuovo Business Plan

Anzitutto considerate che non è possibile presentare voi stessi, una nuova iniziativa imprenditoriale, o anche un’impresa avviata da tempo, senza compiere un’analisi completa del vostro business e dello scenario in cui s’inserisce, soprattutto in occasione di cambiamenti o di innovazioni che determinano un forte impulso al cambiamento.

In un mercato come l’attuale, ed in presenza di variabili esogene come la pandemia, non si può non tenere conto degli impatti che queste determinano sulle attività di ogni giorno e sull’andamento dei conti economici nel loro complesso. Serve dunque formulare un nuovo Business Plan o almeno rivedere quello corrente.

Nel nostro caso, ad esempio, è stato necessario ripensare il modello di business, perché non era semplice ricondurre ad un fattore comune l’offerta rivolta agli individui e quella promossa nei confronti delle organizzazioni. Non volevamo alimentare il dualismo individuo-impresa bensì presentare un modello d’offerta focalizzato sulle esigenze dell’individuo anche quando l’intervento è rivolto alle organizzazioni. Ci siamo riusciti anche grazie ad un modello, il Business Model Canvas, del quale ha scritto in questi giorni sul blog Tamara Andreello, consulente di organizzazione aziendale che ha iniziato a collaborare con GoodGoing!

Al di là del metodo, si è trattato di uno sforzo non indifferente in termini di discussione, formalizzazione di concetti e revisione degli stessi ai fini della loro congruenza e rappresentazione.

I contributi dei singoli sono stati rappresentati da post di colore diverso, per dare evidenza alle diversità, fino ad ottenere una prima versione che è stata lungamente discussa ed approfondita. Da questa è scaturita una seconda versione, normalizzata rispetto alla prima, eliminando gradualmente le duplicazioni e migliorando le definizioni.

Il Business Model Canvas conclusivo è diventato quindi un elemento essenziale del nuovo Business Plan ed ha fornito molti spunti utili a confezionare il nuovo Company Profile.

Considerate che, in termini di ore dedicate al Business Development, questo è stato senz’altro uno dei progetti più signficativi del 2020 per GoodGoing!, con lo scopo di redigere un documento che rappresenta non tanto o solamente chi siamo, cosa facciamo, a chi ci rivolgiamo e qual è il valore delle nostre soluzioni, quanto perché si è composto in modo organico quel piano che indirizzerà (non senza un processo di revisione periodica) le nostre azioni future per i prossimi 12 mesi, senza perdere il focus sul breve termine che è diventato il vero orizzonte temporale gestibile.

Perchè aggiornare il Company Profile

Certo potrebbe sorgere spontanea la domanda se serva ancora avere un “Company Profile” ai tempi in cui chiunque ti cerchi lo fa partendo dal portale e dalle pagine social, ma risposta è che la disponibilità di un profilo aziendale confezionato nelle varianti ad uso presentazione, brochure digitale e/o cartacea e HTML permette di rispondere in modo sintetico e coerente a chiunque voglia conoscervi in pochi minuti.

Non è un caso che le sezioni “istituzionali” dei portali delle grandi imprese quotate di ogni genere contenga un “company profile”, seppure il loro nome sia già noto, se non proprio a tutti, certamente alla schiera di investitori, analisti finanziari e di business, fornitori e partner.

Il processo seguito per redigerlo, inoltre, vi permetterà di disporre di una base aggiornata che influenzerà la vostra comunicazione esterna, modellerà i contenuti e l’impostazione del sito web, e contribuirà a stabilire un linguaggio comune (un’identità) per tutti gli appartenenti alla vostra organizzazione, attuali e futuri.

Com’è articolato il nostro?

Per cominciare racconta in una pagina (per chi ha molta fretta) il nostro profilo, diciamo una sorta di Executive Summary; poi elenca i servizi offerti, tra cui:

  • il placement, o inserimento / re-inserimento nel mondo del lavoro, piuttosto che il cambio di carriera (rivolto agli individui),
  • il coaching per far crescere le professionalità e la leadership e far emergere nuove individualità (per individui e organizzazioni),
  • l’eLearning e la formazione, anche in house, per dotare di nuove competenze i team e renderne più performante il lavoro (unicamente per le organizzazioni).

Ciascuno di essi è volto ad innescare un processo di cambiamento che riguarda i comportamenti (dei singoli) e la cultura (dell’organizzazione o dei team che la compongono); essi necessitano, pertanto, di una particolare attenzione nella loro definizione: quanto ho appena descritto è la sintesi di ciò che facciamo, ma le caratteristiche del nostro lavoro comportano il fare cose sempre diverse, con perimetri che si ridefiniscono ad ogni intervento, in base alle richieste ed alle caratteristiche del progetto. Si rendeva dunque necessario trovare altri elementi in grado di accomunare i nostri interventi. Anche in questo caso il tema è stato dibattuto sino a che la conclusione ci ha trovato concordi nel definire i seguenti 5 valori caratterizzanti:

  1. Autonomia: onestà intellettuale, obiettività, concretezza, capacità di analisi e di sintesi
  2. Orientamento al risultato: soluzioni originali, attenzione al rapporto costi/benefici
  3. Visione di Business: approccio olistico, conoscenza dei mercati e aggiornamento continuo
  4. Competenze ed esperienze: distintive, eterogenee e complementari a cui si aggiunge un ampio network di conoscenze e contatti a livello internazionale
  5. Multidisciplinarietà: background diversi e complementari per un supporto completo.

Se in attesa di un aggiornamento del nostro sito foste interessati a ricevere il nostro nuovo Company Profile richiedetelo inviando una mail a info@goodgoing.it. Saremo lieti di inviarlo in risposta. E se anche voi pensate che sia venuto il momento di dare una rinfrescata alla vostra immagine per allinearla alle esigenze attuali e future, adesso sapete che, così come ieri abbiamo lavorato per noi, domani potremmo aiutarvi a disegnare la vostra nuova identità.

About the author
Stefano Carlo Longo
stefano.carlo.longo@goodgoing.it
Stefano Carlo Longo has had a long career as an “innovator” in the ICT sector, in management positions in sales, marketing and consultancy with major international companies, including EY, Atos and Adobe. He is the co-founder of an e-commerce company dedicated to luxury wines and is an investor in a rapidly developing start-up in the Mobile Engagement sector (MobileBridge), which he promotes with customers and partners.

Search

Recommended

I want to move forward in my profession

I'm a qualified and professionally dedicated person but I'd like a Career Transition. How can I improve to remain up to date & appealing for the mkt?


I am looking for guidance

Even the labour market is governed by the laws of supply and demand. To present yourself you should start from yourself. It's time for Career Coaching


I want to explore the market

At a certain point people want to change position, company or market to progress and earn more money…A Counsellor could give the necessary guidance.


Could I work as a consultant?

Throughout the world and in Italy in particular, the role of Consultants has evolved in recent decades…do you really have what it takes?


Do I have what it takes to be an entrepreneur?

To be an Entrepreneur or to work as an entrepreneur? In a labour market where there appears to be a lack of jobs... creating work is an option!

Recent Posts

Una nuova firma sul nostro blog – Sergio Vicàri

Si allarga il fronte dei contributi e si arricchisce la discussione sullo Smart Working


No-code: il nuovo mantra per sviluppare software rapidamente

Domanda elevata (di nuovo software) ed offerta limitata (di programmatori) impongono l’adozione di strumenti atti a ridurre tempi e costi di sviluppo.


Dovete ripensare il vostro Company Profile?

Noi lo abbiamo realizzato così


Business Plan versus Business Model Design?

Uno strumento antico e uno più moderno al servizio dell'imprenditore e del suo business


A cosa serve il consulente di direzione aziendale / Business Designer in GoodGoing!

Per supportare la nascita di una nuova attività imprenditoriale il supporto di un consulente di direzione fa la differenza.

This site uses cookies for a better browsing experience. If you want to know more or want to change the settings of your browser, please visit our Privacy Policy
I agree