"Ricomincia da te" di Paola Pesatori

518 Xv Iyjvkl

La trama se così si può chiamare

Da qualche tempo la nostra azienda è in crisi.

Alcuni colleghi sono stati convocati dal capo e si sono sentiti dire che non servono più. Potrebbe capitare anche a noi. O forse è già accaduto e il mondo ci è crollato addosso.

Che cosa possiamo fare per riprendere in mano la nostra vita? Questo libro ci invita a ricominciare da noi stessi, utilizzando il tempo che ora abbiamo a disposizione per riscoprire passioni dimenticate, sogni nel cassetto e progetti mai realizzati.

Siamo risorse, non disoccupati, ed è dalle nostre capacità che può scaturire il cambiamento. Anche se il «posto fisso» non è più garantito, possiamo batterci per far valere i nostri diritti ed esplorare nuove strade per rimetterci in gioco.

Attraverso suggerimenti dettati dall'esperienza, l'autrice si rivolge a tutti coloro che hanno perso, stanno perdendo o temono di perdere il lavoro, accompagnandoli passo passo attraverso le varie fasi, dai primi segnali di crisi al licenziamento, dall'inerzia forzata alla progettazione di un nuovo percorso esistenziale e lavorativo.

Perché il dramma può diventare un'opportunità, e se il nostro cammino si è temporaneamente bloccato, domani ripartirà verso un'altra direzione, e saremo noi alla guida.

Paola Pesatori: l'autrice, ma soprattutto la testimone

Paola Pesatori, laureata in Lingue e letterature straniere, ha lavorato dal 1984 al 2009 nel Gruppo Pirelli, arrivando a ricoprire il ruolo di direttore delle Risorse umane com­merciali nel ramo pneumatici.

Alla soglia dei cinquant'anni viene licenziata: ne approfitterà per prendersi un anno sabbatico e reinventarsi una carriera.

Il libro per me

E’ un libro un po' “vecchiotto” se volete (2011).

E’ un libro come tanti sul mondo del lavoro.

E allora perchè consigliarlo?

Lo consiglio perché innanzitutto è frutto di un’esperienza personale. Troppo spesso oggi molti scrivono di come cercare lavoro, di come fare marketing di se stessi, di come curare il proprio branding senza avere esperienza significativa nel mondo del lavoro sia in termini di esperienze diversificate sia in termini di cambi anche traumatici.

Per me sentire l’esperienza che parla è un valore.

Secondo motivo: l’autrice è una ex direttrice delle Risorse Umane, una che quindi è stata tanto tempo dalla parte di quelli che hanno licenziato…

Ci è passata anche lei a 50 anni e con molta trasparenza e sincerità parla delle aziende e di alcune logiche distorte che in genere si fa così fatica ad ammettere e a parlarne.

Questa franchezza e questa onestà è apprezzabilissima, oltre che molto rara.

Il terzo motivo è che è una donna cinquantenne… e per noi la perdita del lavoro ha dei connotati specifici. E anche la soluzione per la verità, come non è descritto nel libro ma è detto.

About the author
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
For more than fifteen years Cristina Gianotti has been working in Coaching - Career, Executive and Business Coaching – supporting managers, professionals and entrepreneurs that are interested in investing in themselves and their own professional development. She comes from a management consulting, management and entrepreneurial background. In 2016 she published her fisrt book "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" (It is easy to change job if knowing how) with bookabook. In 2018 the second one "Connecting Dots: il networking questo sconosciuto" (Connetting dots: the unknow professional networking").

comments powered by Disqus

Search

Recommended

I want to move forward in my profession

I'm a qualified and professionally dedicated person but I'd like a Career Transition. How can I improve to remain up to date & appealing for the mkt?


I am looking for guidance

Even the labour market is governed by the laws of supply and demand. To present yourself you should start from yourself. It's time for Career Coaching


I want to explore the market

At a certain point people want to change position, company or market to progress and earn more money…A Counsellor could give the necessary guidance.


Could I work as a consultant?

Throughout the world and in Italy in particular, the role of Consultants has evolved in recent decades…do you really have what it takes?


Do I have what it takes to be an entrepreneur?

To be an Entrepreneur or to work as an entrepreneur? In a labour market where there appears to be a lack of jobs... creating work is an option!

Recent Posts

Speakap: working smarter in the smart working age

La piattaforma social Intranet che abilita collaborazione e coordinamento anche a distanza


Lavoro a distanza e Smart Working: quali le differenze e la distanza

Il lavoro a distanza ha incontrato molti favori. Ma lo smart working è un’altra cosa. Vi raccontiamo le differenze e come ci si arriva..


"Ricomincia da te" di Paola Pesatori

Settembre è il mese dell'inizio: della scuola, del lavoro, della ricerca del lavoro, delle promozioni, delle assunzioni.


Come sostituire la revisione annuale delle performance?

Ecco l’alternativa ad una pratica passata di moda


Ah! the synthesis in the CV or in the presentation of himself. It also depends on the language used ...

“Italian is about 30% longer than English". English is shorter than any Latin origin language and it is objectively more synthetic.

This site uses cookies for a better browsing experience. If you want to know more or want to change the settings of your browser, please visit our Privacy Policy
I agree