Vuoi cambiare lavoro e guardi solo gli annunci? Puoi fare di più!

Cambiare lavoro ma gli annunci non sono il mercato

Gli annunci di lavoro non sono il mercato del lavoro!

Il mercato del lavoro è costituito da opportunità professionali già individuate e dichiarate e descritte da un’azienda (gli annunci di lavoro), ma anche da molto altro:

sempre in azienda, ci può essere una persona che dovrà essere sostituta a breve per pensionamento, trasferimento, maternità, cambio di strategia e questa costituisce un’opportunità

l’azienda può aver pianificato il lancio di un nuovo prodotto o l’apertura di un nuovo mercato o di nuovi punti vendita. Queste sono opportunità di lavoro note in azienda prima che sul mercato

il mondo evolve, le funzioni aziendali hanno bisogno di nuove competenze. Anche questo è noto in azienda ancora prima che sul mercato.

L’azienda si muove sul mercato rispetto alle esigenze suddette non pubblicando subito un annuncio o non pubblicandolo mai, non reclutando una società di ricerca e selezione, non subito perlomeno, e non è detto che lo faccia proprio.

Come interagisce con il mercato del lavoro l’azienda, come emerge questa domanda di lavoro?

Innanzitutto, come è sempre successo nel mondo e tra gli uomini, parlandone. Il manager chiede ai suoi collaboratori, il tesoriere alle banche di riferimento, l’amministrativo ai commercialisti o ai consulenti del lavoro, l’AD agli amici del circolo, del club. Insomma le opportunità di lavoro passano attraverso le relazioni, solo all’ultimo si ricorre all’annuncio o alla società di ricerca.

Questa è una gran bella notizia perché vuol dire che se non c’è un annuncio che fa per noi non vuol dire che non ci sia un lavoro per noi.

Si tratta solo di sapere come scovarlo….

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Cristina Gianotti si occupa da oltre quindici anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati a investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Viene da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ha pubblicato il suo primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook. Nel 2018 il suo secondo sul networking: "Connecting Dots: il networking, questo sconosciuto".

comments powered by Disqus

Ricerca

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

"Il minimalista" di "Miss Minimalist" Francine Jay

Come raggiungere la felicità! ... più semplicemente qualche spunto per mettere ordine e governare la propria casa, la propria vita professionale...


“C’era una volta il capo” di Cristina Volpi

Ma chi è il capo? C'è solo il capo gerarchico tipo generale dell'esercito o consci qualche altro tipo di capo?


“il FATTORE C” di Paolo Iacci

Il fattore C non domina la nostra vita! Un libro letto in vacanza può dare spunti di riflessione profondi.


"Lettere contro la guerra" di Tiziano Terzani

La guerra in Afghanistan prima o l'abbandono del paese ora è "una buona occasione". Un libro letto in vacanza può dare spunti di riflessione profondi.


La programmazione non è più un lavoro artigianale

Sviluppare applicazioni con piattaforme low-code / no-code significa limitare la necessità di scrivere codice. L’impatto sul mondo del lavoro

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto