Annunci di lavoro e Curriculum Vitae: istruzioni per l'uso

Gli annunci di lavoro pubblicati su internet o sulla stampa sono uno dei canali di collegamento tra domanda e offerta di lavoro e quindi in generale non si possono trascurare nella ricerca di opportunità professionali. Ci vogliono però alcuni accorgimenti nell’utilizzarli come canale di ricerca del lavoro.

Figure per Annunci di lavoro e curriculum vitae

L’annuncio non costa

E’ vero che rispetto ad una volta, quando si scriveva lettera e cv (magari a macchina) e si stampavano o fotocopiavano e si imbustavano e si pagava il francobollo… oggi sembra tutto facile. Una mezz’ora davanti al computer e ho spedito 20 cv, se non di più, e il mio dovere di “ricercatore di lavoro” l’ho fatto!

Bugia!!!
Ho fatto finta di cercare lavoro.
In primis perché devo usare anche altri canali e poi perché la risposta veloce non paga.

Meglio è:

Selezionare l’annuncio

Avendo in mente cosa si cerca (frutto del lavoro fatto in precedenza di preparazione alla ricerca operativa del lavoro) seleziona gli annunci. Scegli un annuncio e leggilo bene. Verifica se hai i requisiti fondamentali richiesti come obbligatori, che si riferiscono tipicamente agli studi, agli anni di esperienza, al tipo di aziende o mercato in cui aver maturato esperienza. Non è tramite un annuncio che si cambia settore in cui lavorare.

Verificare i contatti

A questo punto si verifica se ci sono dei contatti con la società (di selezione o l’azienda direttamente) o con la persona che fa la selezione. In tali casi sarebbe meglio cercare il contatto diretto. Ciò vale in Italia per la maggior parte delle aziende. In un mondo più moderno ed evoluto ci saranno solo le candidature via web (“web applications”), ma ciò per ora non vale sempre in Italia (anzi, quasi mai).

Motivare la candidatura

Sarebbe utile scrivere qualche riga di motivazione della candidatura: non solo il riferimento all’annuncio, ma una breve presentazione che metta in evidenza la connessione tra quanto richiesto e quanto puoi offrire. Si tratta di fare il lavoro che fa il selezionatore quando riceve il cv. Volete mettere ricevere una mezza pagina che dice che vado bene con i fatti? Mi risparmia un po’ di lavoro e di sicuro attira la mia attenzione sul cv, che è poi l’obiettivo che mi prefiggo inviando il cv, no???

Lo stile deve essere sempre professionale e personale solo quel tanto che serve per essere empatici o spiegare una situazione particolare.Una mia amica ed ex collega, Laura, dopo anni di pausa per via della adozione internazionale di una bambina e la sua cura nei primi anni di ambientamento in Italia, ha voluto riprendere a lavorare. Ha selezionato delle aziende, ha scritto una lettera di marketing in cui questo fatto veniva messo in evidenza (non il solo!) e ha trovato dall’altra parte una persona della Direzione Risorse Umane sensibile al tema, anzi con un’esperienza simile. E’ stata presa in considerazione e a seguire ha superato le selezioni e lavora!

Certo i commenti e le frasi inutili e banali meglio tralasciarli.

Scrivere che uno si trasferirebbe a Vienna perché è una bella città suona ridicolo? Eppure lo scrivono nelle loro lettere di marketing anche ex dirigenti di multinazionali!

Troppe candidature generano frustrazione e spam nella rete, che ci ritorna come un boomerang.

  • Se dopo mesi conto di aver inviato 600 cv e non aver fatto un colloquio, penserò non tanto ai francobolli risparmiati, ma alle aspettative deluse e ciò avrà un “prezzo” in termini di frustrazione.
  • In più, mandando cv non mirati, ho contribuito a generare “rumore” che non permette alle selezioni di essere efficienti e questo si rivolta di nuovo anche su di me.
    Pensa a quando ti lamenti perché il selezionatore non ti risponde. Ma se riceve cv “a vanvera” e in quantità come fa? Il selezionatore non legge tra le righe del cv per capire che se ci candidiamo per una posizione di direttore di stabilimento lo possiamo fare anche se sul cv c’è scritto che mi sono occupato di IT tutta la vita, no? O almeno non funziona così, quindi meglio riflettere su come funziona questo mercato e adeguarvisi, se si vuole ricercare lavoro tramite gli annunci.

Detto ciò, meglio una spedizione in più che una in meno (di numero però!).

E come mi ha suggerito una persona che ho seguito da vicino nella sua ricerca, ci vuole anche qui metodo e applicazione.

Federica si alzava come di solito (cioè come quando andava a lavorare regolarmente) e si dedicava per un’ora o due agli annunci su internet (Linkedin compreso) in modo da intercettare i nuovi annunci appena pubblicati (ricordate quanto dicevo sopra sulle centinaia di cv che arrivano?). Si dedicava poi ad altro e nel pomeriggio o la sera faceva un nuovo check in modo da verificare se c’erano degli aggiornamenti sulle candidature e rispondere subito.

Il web viaggia veloce e noi dobbiamo seguirlo. Non ha senso guardare gli annunci una volta ogni tanto e rispondere dopo averci dormito sopra alcuni giorni…Idem se si riceve un feed-back da parte di un selezionatore: meglio rispondere subito e non frapporre week-end, vacanze o che altro!

Cogliere l’attimo per favore!

E il metodo vale sia per l’Italia sia per l’estero. La selezione ha i suoi metodi che sono abbastanza comuni e condivisi almeno per quanto detto sopra!

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Mi occupo da oltre dieci anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati ad investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Vengo da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ho pubblicato il mio primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook.

comments powered by Disqus

Ricerca

Argomenti

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

Ce l’hai il tuo personal brand online? E riesci a fare carriera grazie a questo?

Oggigiorno il personal brand è un must, ma un conto è averlo, un conto è che funzioni per lo scopo che ci siamo proposti: cercare/cambiare lavoro.


Sapersi vendere consiste nel sapere cosa si ha da offrire e saperlo comunicare. Senza mentire però!

Il mercato del lavoro è un mercato come tanti altri, con i suoi pro e i suoi contro. Una certa etica però dovrebbe sempre prevalere, a partire da noi.


Estate tempo di libri…

Un libro è il compagno che non deve mancare nelle tue mancanze, per divertirti, riflettere, ispirarti...


Avere successo nel lavoro: una lunga strada per arrivarci e tanta energia per mantenerlo

Il lavoro è collegato spesso al successo nella vita. Ne può essere una determinante. Come raggiungere il successo e soprattutto come mantenerlo?


Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Il lavoro dei sogni? Istruzioni "alternative" per cercarlo e riconoscerlo!

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto