Il Networking professionale per cambiare lavoro

Fare Networking Professionale nel modo migliore

La rete di contatti (network) è formata da tutte le persone che conosciamo, a partire dai parenti più prossimi fino ai conoscenti più lontani, e il networking non è altro che l’attività di allargare la rete, in altre parole di conoscere nuove persone.

Fanno parte della rete di contatti:

la famiglia e i parenti (genitori, fratelli, zii, nonni, cugini, ecc.)

gli amici e i conoscenti (amici, amici di amici, vicini di casa, ecc.)

i colleghi di lavoro (le persone con cui si è lavorato o si lavora attualmente)

gli insegnanti e i professori di tutte le scuole che si sono frequentate (dalle materne all’università, i compagni di scuola o di università)

i membri di organizzazioni di cui si fa o si è fatto parte (come le associazioni sportive, culturali, di volontariato, ecc.)

i professionisti a cui ci si rivolge (es. il dottore, il dentista, il parrucchiere, l’idraulico ecc.).

Il networking è un’attività naturale, che utilizziamo quotidianamente nella nostra vita in modo spontaneo e intuitivo. Le volte in cui ci si è fatti presentare la ragazza che piaceva o ci si è fatti indicare un buon ristorante o si è chiesto consiglio per un bravo medico, è stata svolta più o meno consapevolmente un’attività di networking. E’ una capacità che utilizziamo ogni giorno, magari in modo poco sistematico, ma che, grazie alle informazioni e all’aiuto prezioso degli altri, ci permette di raggiungere i nostri obiettivi.

Nell’ambito specifico della ricerca informativa e del lavoro, il networking permette di:

aumentare i contatti in modo geometrico

incontrare e conoscere più persone che svolgono il lavoro che interessa

raccogliere informazioni su di una azienda o di una professione

scoprire opportunità di lavoro nascosto o di crearne di nuove.

C'è al mondo una sola cosa peggiore del far parlare di sè: il non far parlare di sè

– Oscar Wilde

Si può utilizzare la rete di contatti nel modo spontaneo e improvvisato di sempre oppure passare a un’attività di networking consapevole e sistematica che permette di focalizzare le energie e le risorse per il raggiungimento dei propri obiettivi.

Informazioni sull'autore
Cristina Gianotti
cristina.gianotti@goodgoing.it
Cristina Gianotti si occupa da oltre quindici anni di Coaching - Career, Executive e Business Coaching – a supporto di: manager, professionisti, imprenditori interessati a investire su stessi e sulla propria crescita professionale. Viene da un background di consulenza direzionale, management e imprenditoria. Nel 2016 ha pubblicato il suo primo libro "E' facile cambiare lavoro se sai come fare" con bookabook. Nel 2018 il suo secondo sul networking: "Connecting Dots: il networking, questo sconosciuto".

comments powered by Disqus

Ricerca

Consigliati

Voglio crescere nella mia professione

Sei una persona preparata e dedita alla tua attività: come puoi fare carriera e migliorare la tua posizione lavorativa? Contattaci per una consulenza.


Sono in cerca di un orientamento

Per proporsi bene sul mercato del lavoro occorre partire da se stessi, capire attitudini e punti di forza. Il Career Coaching può aiutarti. Contattaci


Voglio sondare il mercato

A un certo punto si vuole cambiare: cambiare ruolo nella stessa azienda, cambiare azienda…il Coaching può darti la guida per scegliere il meglio.


Potrei fare il consulente?

Diventare consulente e mettersi in proprio, un ruolo cambiato negli ultimi decenni e che può offrire buone opportunità se hai la stoffa per coglierle.


Ho la stoffa dell'imprenditore?

Diventare imprenditore, dare vita a un nuovo progetto e creare posti di lavoro: se non sai come fare contattaci e scopri che imprenditore sei.

Ultime Pubblicazioni

"Ricomincia da te" di Paola Pesatori

Settembre è il mese dell'inizio: della scuola, del lavoro, della ricerca del lavoro, delle promozioni, delle assunzioni.


Come sostituire la revisione annuale delle performance?

Ecco l’alternativa ad una pratica passata di moda


Ah! la sintesi nel cv o nella presentazione di sè. Dipende anche dalla lingua usata...

“Italian is about 30% longer than English". Oltre a essere più breve, l’inglese è oggettivamente più sintetico.


“Il futuro del lavoro è femmina” di Silvia Zanella

Un libro che sviscera l'apporto femminile nel mondo del lavoro. Ma quanto valore ci stiamo perdendo non includendo le donne!


5 fasi per un processo di onboarding efficace – Verso il primo anniversario

Perché l’onboarding non termina con il primo giorno di lavoro

Questo sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Se vuoi saperne di più o vuoi cambiare le impostazioni del tuo browser, visita la nostra Privacy Policy
Accetto